WALL STREET: NASDAQ IN CADUTA LIBERA (-4,5%)

16 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dalla soglia di meta’ giornata, sono sempre piu’ numerosi gli ordini di vendita sulle borse americane.

A guidare i ribassi e’ l’indice Nasdaq Composite, schiacciato dai ‘profit warning’ giunti dal settore delle infrastrutture per le telecomunicazioni, che perde oltre il 4,5%.

Sulla flessione degli indici pesano anche le pessime notizie arrivate dal fronte inflazione, dopo l’impennata dell’indice dei prezzi alla produzione in gennaio.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

Nonostante le buone perfomance del settore high tech di mercoledi’ e giovedi’, il ‘profit warning’ lanciato da Nortel Networks, ha diffuso il panico in tutto il comparto.

Tra i titoli piu’ colpiti c’e’ quello di JDS Uniphase, uno dei pincipali fornitori di Nortel, che perde oltre il 16%.

Male anche Corning, in flessione del 18%, dopo che la societa’ in mattinata ha annunciato di aver abbassato gli obiettivi di crescita del fatturato per il 2001.

“Pensavamo che lo cattive notizie fossero finite, almeno per un po’ – dice Mark Beale – money manager di Net Star Assett Management – evidentemente ci sbagliavamo”.

La giornata di oggi si caratterizza anche per il cosidetto ‘triple-witching’, la scadenza tecnica di futures, opzioni e opzioni sui futures.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore petrolifero, utility e tabacco.

In calo invece il settore infrastrutture per telecomunicazioni, sistemi di rete, semiconduttori, Internet e hardware.