WALL STREET: LE NOTIZIE DI MERGER SPINGONO I LISTINI

9 Maggio 2005, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di settimana positivo per i mercati americani, spinti al rialzo dalle numerose notizie di fusioni societarie, un tipico segnale di forza delle borse. Il Dow Jones e’ avanzato dello 0.38% a 10384, l’S&P500 ha guadagnato lo 0.64% a 1178 e il Nasdaq ha chiuso in progresso dello 0.63% a 1979.

Le notizie di fusioni societarie, oggi numerose, sono state l’elemento principale ad aver alimetato gli acquisti. Tra queste molto significative sono le trattive di merger, rivelate dal Wall Street Journal, tra i broker online E*Trade Financial e Ameritrade. L’operazione avrebbe un valore di $5.5 miliardi. Molto positivo l’andamento di entrambi i titoli, che hanno chiuso in progresso rispettivametne di circa il 6% e il 18%.

Nel settore energetico, trattative di fusione in corso anche tra Cinergy e Duke Energy. L’operazione consiste in uno swap di 1.56 azioni Duke Energy per ciascuna azione Cinergy. La nuova societa’ avra’ una capitalizzazione di mercato di circa $36 miliardi. Nel comparto aereo, infine, potrebbero unire le forze America West e US Airways Group.

Le notizie di oggi hanno avuto l’effetto di diffondere un certo ottimismo nei mercati azionari, di recente sotto pressione per le preoccupazioni di un rallentamento economico accompagnato da una crescita dell’inflazione.

L’ottimo rapporto sull’occupazione, diffuso la settimana scorsa, e’ stato un importante segnale sulla possibilita’ che la fase di difficolta’ dell’economia Usa possa essere considerata un episodio isolato, circoscritto al solo primo trimestre.

Relativamente all’andamento dei singoli titoli, si e’ distinto in positivo il colosso fast-food McDonald’s, avanzato di oltre il 2% dopo aver riportato vendite “same store” (nei ristoranti con almeno un anno di attivita’) per il mese di aprile in crescita del 2.8%, a livello globale, e del 4.7% negli Stati Uniti.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Positiva anche la performance di General Motors, in progresso di circa l’1%, dopo aver sofferto, nella scorsa settimana, la bocciatura del rating sui bond a livello junk (“spazzatura”). La societa’ ha anche annunciato che prendera’ in considerazione l’offerta avanzata dal miliardario Kirk Kerkorian per l’acquisto di una quota del gruppo.

Tra le altre blue chip che hanno segnato un significativo rialzo vanno segnalate JP Morgan e Pfizer. Sotto pressione, invece, Hewlett-Packard, in ribasso dell’1.30%: sul titolo ha pesato la nota negativa di Banc of America, secondo cui HP potrebbe rivedere al ribasso di circa il 5%-10% le stime sui risultati societari. In rosso anche Boeing, Microsoft e IBM.

Sugli altri mercati, in netto rialzo il prezzo del greggio. Il contratto future con scadenza giugno ha chiuso la sessione in progresso di $1.24 a $52.20 al barile. L’euro e’ in rialzo nei confronti del dollaro. Nel tardo pomeriggio di lunedi’ a New York il cambio tra le due valute e’ $1.2842. Sostanzialmente invariato l’oro. Il future con scadenza giugno ha ceduto 10 centesimia $426.90 all’oncia. In calo, infine, i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 4.28% dal 4.26% di venerdi’.