WALL STREET: INTEL GUIDA LA RIPRESA DEGLI INDICI

11 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

A poco piu’ di due ore dalla chiusura delle contrattazioni, i mercati Usa si risollevano dai minimi grazie a rumor di utili positivi e di un immintente upgrade per il colosso dei semiconduttori Intel (INTC – Nasdaq), che dovrebbe fare un annuncio dopo la chiusura delle contrattazioni. Per avere tutti i dettagli clicca su WSI RUMORS, in INSIDER. Abbonati subito!. Ricordiamo che Intel, la cui trimestrale e’ attesa per il 16 luglio, e’ presente sia sul Dow che sul Nasdaq. Il titolo INTC riesce quindi a lasciarsi alle spalle la nota negativa della banca d’affari Prudential.

L’indice industriale dimezza le perdite e torna nettamente sopra la soglia psicologica degli 8.700 punti (a livello intraday non sfondata dal 28 settembre 2001) dopo essere stato vicino a sfondare al ribasso quota 8.600. Sul Dow era anche entrato in effetto il blocco degli ordini automatici di vendita, una misura per impedire gli eccessi di ribasso. In recupero anche l’S&P 500, che in mattinata era arrivato a un soffio dai 900 punti, quota che non sfonda nel corso delle contrattazioni dal 28 ottobre 1997. Addirittura in rialzo il Nasdaq, che nella prima meta’ della seduta era arrivato a superare il minimo intraday del 9 maggio 1997 (1.325,61 punti). Molto alta la volatilita’ sull’indice high-tech, con l’indice CBOE Nasdaq Volatility Index (VXN) che guadagna il 7%.

Il tono di fondo resta comunque negativo, a causa della sfiducia degli investitori nell’etica della “corporate America” e delle preoccupazioni sulla ripresa dei profitti societari, mentre siamo ormai in piena stagione degli utili.

Contribuiscono inoltre a deprimere i mercati i dati macroeconomici negativi sui sussidi di disoccupazione settimanali e i prezzi alla produzione ‘core’.

Secondo Richard Dickson, analista tecnico della banca d’affari Hilliard Lyons, i mercati Usa sono vicini a un importante minimo.

Secondo Jeffrey Applegate, portfolio strategist del broker Lehman Brothers, i mercati Usa si stanno avvicinando a “livelli estremi di sottovalutazione“.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Per quanto riguarda gli scandali contabili, il caso di oggi riguarda il colosso farmaceutico Bristol-Myers Squibb (BMY – Nyse), sospettato dalla SEC (la Consob americana) di aver gonfiato le vendite del 2001 di circa un miliardo di dollari.

Sul fronte degli utili societari, da segnalare il ‘warning’ sulle vendite del 2002 lanciato la societa’ di software tedesca SAP (SAP – Nyse), primo produttore europeo. La notizia era stata anticipata da Wall Street Italia nella giornata del 9 luglio. Per avere tutti i dettagli clicca su WSI RUMORS, in INSIDER. Abbonati subito!. Previsioni negative sulle vendite erano state formulate nella tarda serata di ieri da un altro colosso del software, Oracle (ORCL).

Tra gli altri titoli che muovono i mercati, da segnalare il calo del colosso automobilistico e blue chip del Dow Jones General Motors (GM – Nyse) dopo l’ennesimo downgrade (oggi e’ la volta di UBS Warburg, ieri era stato il turno di Banc of America).

Ma non mancano alcune notizie positive. Sul Dow da segnalare i rialzi del colosso della fotografia Eastman Kodak (EK – Nyse) e del retailer Wal-Mart (WMT – Nyse) dopo le revisioni al rialzo delle stime sugli utili. A trainare il titolo WMT sono anche le ottime vendite del mese di giugno. E Wal-Mart non e’ stato l’unico a far bene: complessivamente positive infatti le vendite comparate dello scorso mese.

Al Nasdaq in crescita il colosso informatico Sun Microsystems (SUNW – Nyse) su voci di un imminente upgrade. Per avere tutti i dettagli clicca su WSI RUMORS, in INSIDER. Abbonati subito!.

Da segnalare l’ottima performance del settore biotech (BTK) dopo la debacle di mercoledi’. A trainare il comparto sono i guadagni di IDEC Pharmaceuticals (IDPH – Nasdaq) e MedImmune (MEDI – Nasdaq). IDPH ha annunciato che il secondo trimestre fiscale dovrebbe concludersi con un utile di 20 centesimi per azione, contro i 19 centesimi previsti dal mercato. Le buone previsioni sono legate soprattutto alle vendite di Rituxan, che l’azienda commercializza insieme a Genentech (DNA – Nyse). E proprio DNA nella tarda serata di mercoledi’ ha comunicato una trimestrale superiore alle stime. MedImmune ha fatto sapere che l’FDA non richiedera’ un’ulteriore fase di sperimentazioni sull’antinfluenzale FluMist.

Da segnalare inoltre:

– Torna a crollare il titolo del colosso delle tlc WorldCom (WCOME – Nasdaq) dopo che la societa’ ha fatto sapere che non paghera’ il dividendo agli azionisti della divisione MCI (MCIT – Nasdaq).

– Nuovo minimo storico per l’indice del settore aereo Amex Airline Index (XAL), che ha toccato quota 58,71, sotto i minimi del periodo immediatamente successivo all’11 settembre 2001. Il 21 settembre l’indice era sceso a 58,81 punti.

– Merrill Lynch ha tagliato il rating sul titolo del colosso Internet Yahoo! (YHOO) da ‘neutral’ a ‘reduce/sell’ sul breve termine e da ‘strong buy’ a ‘neutral’ sul lungo termine. Mercoledi’, a mercati chiusi, l’azienda aveva comunicato la trimestrale.

Per avere tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER. Abbonati subito!