WALL STREET: INTEL E HP SPINGONO IN ROSSO IL DOW

20 Febbraio 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dalla chiusura delle contrattazioni sulle borse USA, tutti gli indici finiscono in territorio negativo.

A guidare i ribassi e’ il Nasdaq Composite, che continua a scontare la valanga di ‘downgrade’ che ha travolto in mattinata soprattutto il settore semiconduttori.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

Dopo aver passato gran parte della seduta odierna col segno piu’, si tinge di rosso anche il Dow Jones, a cui non bastano i rialzi di Wal Mart e Home Depot a contenere la flessione dei titoli del comparto tecnologico e di quello bancario.

Tra i titoli high tech compresi tra le ‘blue chip’, si mettono in evidenza in negativo Hewlett Packard (HWP – Nyse), che perde oltre il 7%, e Intel, in flessione oltre il 6,5%.

Il primo produttore mondiale di microprocessori affonda nonostante il piano di ristrutturazione annunciato nel corso della giornata.

Sui listini in generale stanno mostrando una tendenza al rialzo il settore della grande distribuzione, tabacco, bevande, alluminio, tessile, cosmetici, ferrovie, aerospazio, giocattoli.

In calo invece il settore bancario, semiconduttori, brokeraggio, infrastrutture per le telecomunicazioni, oro, calzature, personal computer, assicurativo.