WALL STREET: INDICI IN CALO, NASDAQ FRENA RIBASSI

17 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Brusco e preannunciato crollo degli indici Usa, nonostante la mossa giunta a sorpresa dalla Federal Reserve, che ha tagliato di mezzo punto percentuale i tassi di interesse, portandoli al 3%.

La manovra della banca centrale americana “e’ positiva per il mercato, ma potremmo vedere una certa volatilita’ mentre gli investitori cercano di raggiungere il livello di acquisti”, ha dichiarato Brian Belski, market strategist presso US Bancorp Piper Jaffray.

Sul Dow Jones, dove frattempo permane il blocco automatico degli ordini di vendita per limitare gli eccessi di ribasso, pesano le flessioni in diversi settori. Tra le blue chip piu’ colpite Boeing, che lascia sul terreno quasi il 20%, mentre United Technologies arretra del 15%.

La pesante ondata di vendite ha investito anche Honeywell, che segna un calo di oltre il 10%, seguita da Home Depot, anch’essa in ribasso del 10%.

Colpite duramente anche Microsoft e J.P. Morgan.

Disney, che in seguito all’attacco terroristico di martedi’ aveva chiuso i parchi divertimento per riaprirli pochi giorni dopo, e’ in flessione di quasi il 20%.

Gli investitori scommettono invece sulle societa’ del settore sicurezza. Quattro societa’ che operano nella produzione di dispositivi tecnologici per la ricognizione di esplosivi stanno salendo vertiginosamente nelle contrattazioni:

Visionics (VSNX – Nasdaq) sta guadagnando il 98.36%
InVision Technologies (INVN – Nasdaq) cresce del 173.31%
Magal Security (MAGS – Nasdaq) sale del 69.74%
Visage Technology (VISG – Nasdaq) conquista il 112.37%