WALL STREET IN RIBASSO,
GIU’ IL DOLLARO

28 Marzo 2003, di Redazione Wall Street Italia

A poco piu’ di due ore dalla chiusura delle contrattazioni, i mercati americani proseguono in territorio negativo.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Tra i temi della seduta, continua la corsa al rialzo del prezzo del petrolio. Al New York Mercantile Exchange, il contratto future sul light sweet crude di maggio guadagna 48 centesimi rispetto alla chiusura di ieri, raggiungendo i $30,85 al barile. A trainare al rialzo le quotazioni, oltre alle prospettive di una guerra lunga in Iraq e il calo delle scorte di carburante e’ la critica situazione interna in Nigeria, uno dei principali esportatori di petrolio al mondo, da oltre dieci giorni piagata da scontri inter-etnici.

Le preoccupazioni per gli effetti che un conflitto prolungato potrebbe avere sulla gia’ debole economia a stelle e strisce zavorrano il dollaro, che sfiora quota 1,08 nei confronti dell’euro. La moneta comunitaria si avvia cosi’ ad archiviare la settimana con un rialzo del 2,2% sul biglietto verde, il maggior guadagno settimanale dal 21 giugno scorso.

Per tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER.