Wall Street in forte rialzo dopo i dati di oggi

2 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

I principali indici di Wall Street sono saliti oggi pomeriggio in quanto il rallentamento della crescita salariale e l’aumento del tasso di disoccupazione hanno rafforzato le aspettative di un allentamento dell’inflazione e rinnovato le speranze che la Federal Reserve sia meno aggressiva del previsto nel rialzo dei tassi. Al momento in cui scriviamo, il Dow Jones Industrial Average è in rialzo dell’1,02%, l’S&P 500 dell’ 1,19% e il Nasdaq Composite dell’1,08%.

I dati sul lavoro hanno mostrato che gli stipendi (esclusi quelli del settore agricolo) sono aumentati di 315.000 posti di lavoro il mese scorso rispetto alle aspettative di 300.000. La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,3% rispetto a una stima dello 0,4%. Nel frattempo, il tasso di disoccupazione è salito al 3,7%, da un minimo pre-pandemia del 3,5%.

“Il dati sono un passo nella giusta direzione, ma non un grande passo”, ha affermato Brian Jacobsen, senior investment strategist di Allspring Global Investments. “Quindi, a margine, sposta le aspettative verso un aumento di 50 punti base invece di 75 punti base, ma la cosa fondamentale saranno ovviamente i dati sull’inflazione. Questo probabilmente suggellerà l’accordo sul fatto che debba essere di 50 o 75 punti base .”

Secondo lo strumento CME Fedwatch, i trader hanno ridotto le loro scommesse su un terzo aumento consecutivo del tasso di 75 punti base a settembre al 62%, dal 70% prima della pubblicazione del rapporto sull’occupazione.

I dati sulla crescita salariale sono considerati importanti per le decisioni della Fed sull’aumento dei tassi di interesse, poiché la banca centrale cerca di raffreddare la domanda di lavoro e l’economia in generale, per riportare l’inflazione al suo obiettivo del 2%.

L’attenzione ora si sposta sul rapporto sui prezzi al consumo di agosto, previsto per metà mese. I timori di un inasprimento aggressivo della politica hanno attanagliato Wall Street da venerdì scorso, quando il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che manterrà la politica monetaria della Fed restrittiva per un po’ di tempo, con l’ S&P 500 in calo del 5,1% da allora.

Andamento dei principali indici di Wall Street

Tutti e tre gli indici principali sono impostati per una terza perdita settimanale consecutiva. Tutti i settori dell’S&P 500 sono saliti nelle prime contrattazioni, con i titoli energetici in rialzo dell’1,6% poiché i prezzi del petrolio hanno guadagnato oltre 2 dollari al barile prima della riunione dell’Opec+ per discutere i tagli alla produzione.

Il settore tecnologico sensibile ai tassi e i titoli growth sono stati contrastanti. Le azioni di Amazon, Microsoft e Apple, che hanno subito il peso maggiore del recente sell-off, sono salite tra lo 0,3% e lo 0,8%.

L’indice di volatilità CBOE, noto anche come indicatore della paura di Wall Street, è sceso al minimo da una settimana, a 24,16 punti.