WALL STREET IN CALO SNOBBA L’ECONOMIA

18 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Mezz’ora dopo l’avvio gli indici imboccano decisamente la via dei ribassi nonostante i risultati positivi dei sussidi di disoccupazione settimanali e del Superindice economico che e’ risultato invariato, in linea con le stime formulate dall’agenzia di stampa CNBC/Dow Jones.

A pesare sui mercati sono le numerose notizie sconfortanti sul fronte societario.

Occhi puntati innanzi tutto colosso informatico IBM (IBM – Nyse) i cui profitti sono calati del 97% scatenando il ‘donwgrade’ di Bear Stearns che ne ha tagliato il rating da “attractive” a “neutral”, riducendo le stime sugli utili per azione del terzo e del quarto trimestre.
Notizie negative anche per il colosso dei cellulari Nokia (NOK – Nyse ) che ha tagliato le previsioni per le vendite globali di cellulari a 400 milioni di unita’ e per la societa’ di software software Siebel Systems (SEBL – Nasdaq) e il colosso farmaceutico Eli Lilly (LLY – Nyse) che hanno entrambe lanciato un ‘profit warning’. E’ arrivato poi un commento decisamente cauto sul colosso Internet Cisco Systems (CSCO – Nasdaq) da parte di
Bear Stearns .

Non si arrestano inoltre le preoccupazioni per gli scandali contabili. Il caso di oggi coinvolge il colosso media e Internet AOL Time Warner (AOL – Nyse) accusato dal Washington Post , di aver “gonfiato il fatturato attraverso una serie di intese non convenzionali dal 2000 al 2002, realizzate sia prima che dopo la fusione” (con Time Warner).

Una buona notizia arriva comunque dalla societa’ di wireless Sprint PCS (PCS – Nyse) che ha diminuito le perdite rispetto allo scorso anno, ha ottenuto una crescita del fatturato e ha dichiarato di aver incrementato il numero della sua clientela di 308.000 nuove unita’. Trimestrale superiore alle stime anche per l’operatore telefonico di lunga distanza Sprint (FON – Nyse).

Tornando sul fronte fronte macroeconomico, atteso alle 18:00 (le 12:00 ora di New York) l’indice Philadelphia Fed di luglio.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE IN PRIMA PAGINA

DA SEGNALARE
Alcuni analisti tecnici prevedono in questi giorni un mercato Orso di proporzioni storiche. Come dire: preparatevi, che il peggio non e’ ancora arrivato. Ma e’ davvero cosi’? pER SAPERNE DI PIU’, CLICCA QUI.

I SETTORI E I TITOLI IN MOVIMENTO

INFORMATICO (GHA)
Occhi puntati sul colosso informatico IBM (IBM – Nyse) che ieri, a mercati chiusi, ha annunciato utili in calo per il quarto trimestre consecutivo. IBM si e’ detta comunque fiduciosa di riuscire a rispettare le stime degli analisti sull’intero esercizio 2002. Le recenti ristrutturazioni e i tagli al personale dovrebbero permettere alla societa’ di neutralizzare la debolezza della domanda di prodotti high-tech. Ma la banca banca d’affari Bear Stearns ne ha tagliato il rating da “attractive” a “neutral”, riducendo le stime sugli utili per azione del terzo e del quarto trimestre, citando le preoccupazioni sui contratti di “Big Blue”, i segnali di una seconda meta’ dell’anno difficile e i dubbi sulla valutazione.

INTERNET (DOT)
In calo il titolo del colosso media e Internet AOL Time Warner (AOL – Nyse) dopo che il quotidiano Washington Post , citando centinaia di pagine di documenti riservati di America Online, integrate da interviste di manager, ex manager AOL e partner di affari, ha dichiarato in un articolo che America Online avrebbe “gonfiato il fatturato attraverso una serie di intese non convenzionali dal 2000 al 2002, realizzate sia prima che dopo la fusione” (con Time Warner). Il titolo AOL perde oltre il 7%, portandosi sotto quota $12 per la prima volta dall’ottobre 1998.

NETWORKING E INFRASTRUTTURE PER INTERNET (NWX)
La banca d’affari Bear Stearns ha dichiarato che il fatturato del colosso Internet Cisco Systems (CSCO – Nasdaq) si rivelera’ piatto, deludendo cosi’ le aspettative degli analisti di Wall Street che stimano un incremento degli ordini del 5%. Bear Stearns ha aggiunto che non e’ il momento di acquistare aggressivamente l’azione, che sarebbe appetibile a un livello attorno i $12

FINANZIARI (DJ_FIN), BROKERAGGIO (DJ_SCR)
In rosso la banca d’affari J.P. Morgan Chase (JPM – Nyse) dopo che la banca d’affari Merrill Lynch ne ha tagliato il giudizio da ‘strong buy’ a ‘buy’.
Occhi puntati sul colosso finanziario Citigroup (C – Nyse). Durante la bolla high-tech, alcuni dirigenti di societa’ di tlc hanno ottenuto grosse allocazioni di nuove azioni considerate “calde” da parte della banca d’affari Salomon Smith Barney .

SOFTWARE (GSO)
In ribasso la societa’ di software Siebel Systems (SEBL – Nasdaq) il cui rating e’ stato ridotto da ‘reccomanded list’ a ‘market perform’ dalla banca d’affari Goldman Sachs sulla scia della trimestrale deludente e del warning su utili e fatturato per la seconda meta’ dell’anno. In forte ribasso la societa’ specializzata in software per la gestione e l’immagazzinamento dati EMC (EMC – Nyse) che nonostante abbia battuto le stime sul secondo trimestre fiscale ha dichiarato che il fatturato per il terzo trimestre sara’ invariato rispetto a quello del trimestre appena concluso.
A pesare sul settore anche la trimestrale deludente del colosso tedesco SAP (SAP) che ha chiuso il secondo trimestre del 2002 con un risultato negativo, il primo in rosso nella storia della società.

FARMACEUTICI (DRG)
In perdita il titolo del colosso farmaceutico Eli Lilly (LLY – Nyse) che ha registrato un calo dei profitti e ha annunciato stime sul terzo trimestre inferiori alle attese di mercato. ($0,67-$0,69 contro le stime di $0,70 di Multex).

WIRELESS (YLS)
In guadagno la societa’ di wireless Sprint PCS (PCS – Nyse) che ha diminuito le perdite rispetto allo scorso anno, ha ottenuto una crescita del fatturato e ha dichiarato di aver incrementato il n umero della sua clientela di 308.000 nuove unita’. Trimestrale superiore alle stime per l’operatore telefonico di lunga distanza Sprint (FON – Nyse)

BIOTECH (BTK)
In rosso il colosso biotecnologico Biogen (BGEN – Nasdaq) nonostante abbia registrato utili in linea e confermato gli obiettivi per il futuro.

AUTO (DJ_ATO) IN CRESCITA
In salita il titolo del colosso automobilistico Ford (F – Nyse) dopo che le banche d’affari Prudential Deutsche Securities ne hanno alzato il rating , citando la valutazione.
Il settore beneficia anche della trimestrale positiva di DaimlerChrysler (DCX – Nyse)

PETROLIFERI (XOI)
In crescita il titolo del colosso petrolifero ChevronTexaco (CVX – Nyse) dopo che la banca d’affari UBS Warburg ne ha aumentato il giudizio da ‘reduce’ a ‘hold’ sulla base della valutazione.

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER. Abbonati subito!
)