WALL STREET IN CALO, DEBOLE L’IMMOBILIARE

26 Maggio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta in calo per gli indici azionari americani. Al rientro dalla pausa per il Memorial Day, gli operatori si ritrovano a digerire le ultime news in ambito geopolitico, relative ai test nucleari compiuti dalla Corea del Nord attraverso esperimenti con missili a corto raggio. La notizia ha trascinato al ribasso le piazze europee ed asiatiche ed ha condizionato il preborsa a New York.

I listini Usa scontano comunque anche il deludente dato giunto dal fronte immobiliare, che ha segnalato una contrazione dei prezzi medi degli immobili maggiore del previsto. Piu’ tardi verra’ rilasciato il dato sulla fiducia dei consumatori: gli analisti prevedono un incremento dell’indicatore a quota 42 punti dai precedenti 39.2.

Non ne puoi piu’ della Borsa? Sbagliato, perche’ qualcuno guadagna sempre. Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

Sul fronte societario, occhi puntati nuovamente sul comparto dell’auto ed in particolare su General Motors. Il colosso di Detroit e’ soggetto a numerose scadenze in settimana e gia’ dalla prossima potrebbe entrare nella fase di amministrazione controllata. I rappresentanti del sindacato dei lavoratori si riuniranno oggi per conoscere i piani dell’azienda sui tagli al personale, mentre gli obbligazionisti del gruppo dovrebbero esprimersi sulla proposta di swap del debito con parte dell’azionariato.

Nel settore hi-tech, a muoversi al rialzo e’ il colosso informatico Apple, forte dell’upgrade di Morgan Stanley che ne continua a prezzare i successi nell’ambito delle telefonia mobile.

Sugli altri mercati, in ribasso il greggio. Nelle battute iniziali i futures con consegna luglio cedono $1.46 a $60.21 al barile. Sul valutario, euro in ribasso nei confronti del dollaro a quota 1.3907. Arretra l’oro a $947.80 (-$11.10) l’oncia. In rialzo i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.40%.