WALL STREET: IL NASDAQ LASCIA TUTTI NELLA POLVERE

23 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Al termine delle contrattazioni sulla piazza di New York, l’unico a segnare robusti guadagni e’ il tabellone elettronico del Nasdaq che riconquista quota 4.000 punti. L’indice allargato S&P 500 strappa mezzo punto percentuale grazie al caro-petrolio, mentre le Blue Chip si tengono a malapena sopra la parita’.

Il Nasdaq ha chiuso a 4.011,01 (+1,33%), il Dow Jones ha chiuso a 11.144,65(+0,05%), l’ S&P 500 a 1.505,97 (+0,52%) e il Russell 2000 a 517,88 (+0,08%).

Gli investitori sembrano disorientati dopo che la Federal Reserve ha deciso di lasciare invariati i tassi d’interesse, minacciando pero’ una stretta entro la fine dell’anno. Manca il carburante – spiegano gli analisti – perche’ le borse si mettano a correre sul serio. (Vedi anche: Usa: inflazione, Greenspan non ha capito niente ~ Tassi: Usa, questo il documento della Fed)

In generale sui listini sono in rialzo il settore petrolifero, gas combustibili, sanitario e semiconduttori.

Perdono il settore edile, ferroviario, calzaturiero, componenti auto, cartario e trasporti.

Tra i principali titoli in movimento quest’oggi a Wall Street:

Nel settore dei semiconduttori, Intel (INTC), il primo produttore mondiale di microprocessori, ha presentato una versione dimostrativa del nuovo Pentium IV, capace di funzionare sino alla velocita’ di 2 gigahertz. A fine seduta, il titolo Intel ha guadagnato il 3,25%.
(Vedi Informatica: Intel presenta il Pentium IV)

Nel settore Internet, Drkoop.com (KOOP), il sito di informazione medica fondato dall’ex ministro della Sanita’ Usa, e’ riuscito a reperire una nuova fonte di finanziamento; appena in tempo per evitare il tracollo. Un gruppo di investitori, cui fanno parte anche venture capitalist, ha provveduto a un intervento di emergenza, versando nelle disastrate casse della societa’ $20 milioni. Il titolo Drkoop ha guadagnato quasi il 6%.
(Vedi Internet: $20 milioni salvano il Dottor Koop)

Nel settore delle montature per occhiali, Merrill Lynch ha abbassato il rating di medio termine di Luxottica (LUX) da ‘Buy’ ad ‘Accumulate’, mentre ha lasciato invariato il giudizio ‘Buy’ nel lungo termine. Seconodo la banca d’affari statunitense, la revisione riflette il recente rialzo del prezzo del titolo che e’ salito del 40% dal mese di giugno. I fondamentali del gruppo italiano di occhialeria, secondo l’analisi, rimangono solidi e la crescita sostenuta delle vendite conferma il successo della RayBan, recentemente acquisita. Al termine delle contrattazioni, il titolo Luxottica ha perso quasi il 2%.
(Vedi Industria: Luxottica, Merrill Lynch abbassa rating)

Nel settore petrolifero, Smith International (SII) e’ stato inserito nella lista “Focus One” della banca d’affari Merrill Lynch in base alla forte crescita competitiva della societa’. Il titolo Smith International ha guadagnato quasi il 4%.

Nel settore alimentare, Albertson’s, (ABS) ha perso quasi il 15% dopo aver annunciato ieri alla chiusura dei mercati che gli utili del prossimo trimestre sono destinati a scendere al di sotto delle aspettative a causa del ribasso del calo delle vendite e gli alti costi operativi.

Nel settore cartario, Premdor (PI), una societa’ che produce porte, sembra intenzionata all’acquisizione di Masonite, una societa’ del gruppo International Paper (IP). Il titolo Premdor ha perso oltre il 7%, mentre International Paper ha segnato una cessione del 3,5%.

Nel settore finanziario, Berkshire Hathaway (BRKA) intende proporre un’operazione di riassicurazione a Reliance Group Holdings (REL) che potrebbe risolvere in parte i problemi finanziari della divisione assicurativa. Le indiscrezioni a Wall Street parlano di oltre $1 miliardo di debiti che verrebbero assunti dalla societa’ del mitico investitore Warren Buffett, ma non e’ chiaro l’ammontare della responsabilita’ finanziaria lasciata a Reliance. A fine giornata, il titolo Berkshire ha perso oltre l’ 1,5%, mentre Reliance ha guadagnato quasi il 17%.
(Vedi Fondi: Warren Buffett corre in aiuto di Reliance)

Nel settore Internet, Amazon.com (AMZN), il piu’ grande commerciante della Rete, ha deciso di aggiungere un altro prodotto alla lista di quelli offerti: dopo libri, dischi, apparecchi elettronici e giocattoli e’ ora la volta delle automobili. Il nuovo servizio, disponibile su 27 mercati americani, intende offrire ai consumatori veicoli di diverse marche, con l’assistenza dei concessionari affiliati con il partner di Amazon Greenlight.com. Il titolo Amazon ha guadagnato poco meno del 6%.
(Vedi Internet: Amazon.com adesso ci prova con le auto)

Nel settore delle reti di comunicazione, Visual Networks (VNWK) ha perso quest’oggi oltre il 38,5% dopo che la banca d’affari Merrill Lynch ne ha ridotto il rating sul lungo termine da “Buy” ad “Accumulate”.

Nel settore Internet, Multiple Zones International (MZON), uno dei piu’ grandi rivenditori online di personal computer e software, ha segnato quest’oggi un rialzo superiore al 70% dopo aver siglato un accordo pluriennale con Microsoft (MSFT) che lo fa diventare il principale fornitore della societa’ di Redmond. Il titolo Microsoft ha perso lo 0,5%.
(Vedi Internet: Multiple Zones rimbalza di oltre il 73%)

Sempre nel settore Internet, Stamps.com (STMP) ha annunciato che i suoi servizi postali online verranno integrati nella versione 2001 di Quicken, il software di gestione contabile sviluppato da Intuit (INTU). Di ieri la pubblicazione dei dati di bilancio di Intuit che ha chiuso il trimestre con una perdita di 4 centesimi, inferiore alle previsioni del mercato. Il titolo Stamps.com ha guadagnato oltre il 36%, mentre Intuit ha segnato al termine delle contrattazioni un rialzo del 20%.

Nel settore alimentare, McDonald’s (MCD) ha richiesto ai suoi fornitori di uova di migliorare le condizioni di vita delle galline. Il titolo McDonald’s ha chiuso la seduta praticamente invariato.
(Vedi Usa: McDonald’s dalla parte delle galline)

Nel settore automobilistico, CSK Auto (CAO) ha perso oltre il 45,5% dopo che la banca d’investimento Credit Suisse First Boston ne ha ridotto il rating da “Buy” a “Hold”.

Nel settore aeronautico, Boeing (BA) ha lanciato il razzo Delta III dalla base spaziale americana di Cape Canaveral, il primo lancio di successo dopo due tentativi andati in fumo. Il titolo Boeing ha guadagnato oggi oltre il 2,5%.

Nel settore dei software, Siebel Systems (SEBL) ha perso quasi il 3% sulla notizia che la societa’ entrera’ in concorrenza con Oracle (ORCL) che dovrebbe iniziare a commercializzare un software dedicato alla gestione delle vendite online. Il titolo Oracle perde quasi l’ 1%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ scambiati
al New York Stock Exchange (dati non ufficiali di chiusura) con
rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare chiusure
definitive cliccando sul simbolo dei singoli titoli):

SIMBOLO

SOCIETA’

VOLUME

PREZZO

(in $)

VARIAZIONE

(in punti)

VARIAZIONE

(percentuale)

CPQ

Compaq Computer 

19,357,800

33.438

-0.563

-1.65%

ABS

Albertson’s

15,196,500

22.500

-3.938

-14.89%

LU

Lucent

14,090,700

40.938

-0.688

-1.65%

T

AT&T

11,964,200

30.875

-0.438

-1.40%

AOL

America Online

11,418,500

58.313

+0.563

+0.97%

KR

Kroger

11,234,800

22.000

-1.000

-4.35%

GE

General Electric

10,189,500

57.938

+1.688

+3.00%

TXN

Texas Instruments

8,557,200

67.063

+1.688

+2.58%

NOK

Nokia

8,867,100

42.250

-0.625

-1.46%

MOT

Motorola

8,651,500

36.313

-0.188

-0.51%

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli piu’ scambiati
al Nasdaq (dati non ufficiali di chiusura) con rispettivi volumi, prezzi
e variazioni percentuali (verificare chiusure definitive cliccando sul simbolo
dei singoli titoli):

SIMBOLO

SOCIETA’

VOLUME

PREZZO

VARIAZIONE

(in punti)

VARIAZIONE

(percentuale)

CSCO

Cisco Systems

38,787,300

66.938

+2.125

+3.28%

DSLN

DSL.net

39,301,900

8.813

+2.594

+41.71%

INTC

Intel

34,066,700

74.438

+2.313

+3.21%

DELL

Dell Computer

30,399,300

38.688

+1.250

+3.34%

WCOM

WorldCom

21,575,400

34.625

+0.313

+0.91%

INTU

Intuit

17,406,700

55.000

+8.938

+19.40%

SEBL

Siebel Systems

17,088,400

167.000

-5.000

-2.91%

MSFT

Microsoft

17,083,500

70.813

-0.438

-0.61%

ADCT

ADC Telecom

15,613,100

37.625

-1.563

-3.99%

CRDS

Crossroads Systems

15,029,500

12.750

+2.250

+21.43%