WALL STREET: I LISTINI PROVANO A RISOLLEVARSI

21 Ottobre 2005, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta contrastato per gli indici americani, partiti a forbice a causa delle notizie a luci e ombre sugli utili societari. Il Dow Jones cede lo 0.10% a 10270, l’S&P500 guadagna lo 0.36% a 1182 e il Nasdaq segna +0.78% a 2084.

Dopo il pesante selloff di giovedi’, scatenato dalla trimestrale deludente di Pfizer e dalle rinnovate preoccupazioni sull’inflazione, i listini faticano a risolelvarsi con decisione. Gli acquisti si concentrano sui titoli tecnologici, spinti dalla forza del settore Internet dopo la trimestrale di Google. Il motore di ricerca ha nettamente battuto le previsioni degli analisti sui risultati trimestrali e sull’outlook. Il titolo nelle prime battute di contrattazioni guadagna il 13%. Numerosi i commenti positivi da parte degli analisti di Wall Street sulla societa’.

Molto migliori delle attese anche gli utili di Schlumberger, prima societa’ di servizi petroliferi al mondo. In linea con le stime la trimestrale di Xerox. Sul Dow Jones pesa in primo luogo il calo di Caterillar: la blue chip dei macchinari da costruzione Caterpillar ha deluso le previsioni del mercato sui risultati di bilancio.

Ancora sviluppi incoaraggianti dal fronte petrolio, sceso ai minimi di 12 settimane. Il future con scadenza novembre cede 59 centesimi a $59.43 al barile: e’ la prima volta da tre mesi che scende sotto quota $60.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati sono in rialzo i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.40% contro il 4.43% della chiusura di giovedi’. L’oro guadagna $2.4centesimi a $469.3 all’oncia e l’euro viene scambiato a 1.2016 contro il dollaro.