WALL STREET: GLI INDICI TORNANO IN NEGATIVO

20 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

A un’ora dalla campanella di fine seduta, gli indici tornano in territorio negativo, dopo la reazione a colpo di frusta avuta in occasione dell’anuncio della Federal Reserve sui tassi di interesse.

Verificare in prima pagina aggiornamento indici in tempo reale.

A guidare i ribassi e’ il Nasdaq, che lascia sul campo oltre l’1,3%. Male anche il Dow Jones, che pero’ contiene la flessione allo 0,3%.

Rimane invece in teritorio positivo il Russel 2000, l’indice delle societa’ a bassa capitalizzazione.

Gli indici scontano in parte la delusione delle aspettative di chi si attendeva una riduzione piu’ consistente dei tassi, pari almeno allo 0,75%. Il Federal Opne Market Committe ha deciso invece di ridurre i tassi di 50 punti base, una manovra gia’ ampiamente scontata dal mercato.

Secondo Ian Sheperdson di High Frequency Economics dal documento della Federal Reserve emerge che “sono piu’ spaventati di quanto volessero ammettere e che sono pronti a tagliare i tassi nuovamente, forse presto”.

Piu’ ottimista sullo stato di salute dell’economia USA il capo economista di Standard & Poor’s David Wyss, che si aspettava un taglio di 75 punti base. “L’economia e’ piu’ debole di quanto Greenspan vorrebbe, ma non siamo alle soglie di una recessione”.