WALL STREET: GIA’ FINITO IL RALLY DEGLI INDICI?

di Redazione Wall Street Italia
16 Ottobre 2002 22:00

Dopo quattro sedute consecutive di forti rialzi, sui mercati americani sono tornate con prepotenza le vendite.

Al New York Stock Exchange e’ rimasto in effetto fino alla chiusura il blocco degli ordini automatici di vendita, una misura per evitare gli eccessi di ribasso.

Il Dow Jones e’ riuscito comunque a mantenersi sopra la soglia psicologica degli 8.000 punti, riconquistata nella seduta di martedi’.

Il Nasdaq ha chiuso a 1.232,42 (-3,90%)
Il Dow Jones a 8.036,03 (-2,66%)
L’S&P 500 a 860,02 (-2,41%)

A deprimere gli investitori sono state le preoccupazioni sulla ripresa degli utili delle aziende, dopo gli allarmi lanciati da societa’ del calibro di Intel (INTC – Nasdaq), Motorola (MOT – Nyse), Novellus (NVLS – Nasdaq), Coca-Cola (KO – Nyse) e Boeing (BA – Nyse).

Intel ha registrato utili al di sotto delle stime, ha lanciato un allarme sulle vendite del quarto trimestre e ha rivisto al ribasso le previsioni sulla spesa in conto capitale. Il titolo del numero uno mondiale dei chip ha perso oltre il 18%, affossando l’indice di riferimento Philadelphia Semiconductor Index (SOX). Il colosso dei cellulari Motorola ha tagliato le stime su utili e fatturato del quarto trimestre e sulle vendite del 2003. Il titolo ha chiuso con un ribasso di oltre il 22%. Il n.1 della difesa Boeing ha registrato utili in calo del 47% rispetto a un anno fa e ha lanciato un allarme sui risultati del 2003. Il colosso delle bevande Coca Cola ha invece rivisto al ribasso le previsioni sul 2002.

Sono cosi’ passati in sordina i risultati in linea o superiori alle stime comunicati da Honeywell (HON – Nyse), Merrill Lynch (MER – Nyse), Pfizer (PFE – Nyse), Caterpillar (CAT – Nyse), Ford (F – Nyse) e J.P. Morgan Chase (JPM – Nyse).

Ecco i commenti degli analisti dopo l’ultima tornata di utili societari.

Grande attesa per le trimestrali di Advanced Micro Devices (AMD – Nyse), Apple Computer (AAPL – Nasdaq), IBM (IBM – Nyse) e Siebel Systems (SEBL – Nasdaq), che saranno comunicate tra pochi minuti.

Hanno pesato sui mercati anche le rinnovate preoccupazioni di un imminente conflitto USA-Iraq, dopo che il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha apposto la propria firma alla risoluzione, approvata a larga maggioranza dal Congresso la settimana scorsa, che autorizza l’uso delle forza contro Saddam Hussein.

Alla luce dei ribassi odierni gli operatori si chiedono quindi se il rally delle ultime sedute sia gia’ finito. Secondo Michael Driscoll, trader per la banca d’affari Bear Stearns, intervistato dalla televisione Bloomberg, ”molti guardano con scetticismo ai forti rialzi degli ultimi giorni ed esitano ad investire soldi”.

Da segnalare che secondo Jay Peloski, global strategist di Morgan Stanley, il mercato azionario globale e’ sottovalutato di oltre il 30%.

Per tutti i dettagli sui titoli che hanno movimentato la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER.