WALL STREET FESTEGGIA CON I TECNOLOGICI E L’M&A

1 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

Marzo inizia con il piede giusto per la Borsa di New York, con i listini che sono stati incoraggiati dalla crescita delle spese al consumo, dal salvataggio della Grecia che si fa sempre piu’ concreto e dalla vendita di una divisione asiatica di American International Group per $35.5 miliardi. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0.76% a 10403.71, l’S&P l’1.02% a 1115.71, mentre il Nasdaq l’1.58% a 2273.57.

Tali fattori positivi hanno reso possibili i rialzi anche a fronte del rafforzamento del dollaro. Il Dollar Index, misurazione dell’andamento del biglietto verde contro le principali valute concorrenti, ha guadagnato quasi mezzo punto percentuale, in prossimita’ dei livelli piu’ alti toccati in giugno. Buona accelerazione dei prezzi del rame, che hanno iniziato a correre da quando sono state diffuse le notizie del terremoto in Cile, il maggiore produttore del metallo.

Il mercato greco, sia obbligazionario che azionario, ha rimbalzato dopo che sono iniziate a circolare le notizie secondo cui i Paesi del blocco Ue starebbero preparando un piano di aiuti, che dovrebbe essere annunciato venerdi’ prossimo.

In ambito macro, le spese al consumo sono aumentate dello 0.5% in gennaio. Si tratta del quarto mese consecutivo di incremento e di un rialzo piu’ sostenuto delle stime. Tali cifre sono la dimostrazione che la fiducia dei consumatori sta migliorando e questo non puo’ che agire da catalizzatore per il mercato.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

Allo stesso tempo l’attivita’ manifatturiera si e’ espansa per il settimo mese consecutivo, anche se il valore e’ risultato inferiore a quello di gennaio e anche a quello previsto dagli analisti.

Dopo una serie di sedute noiose, a ravvivare il mercato ci pensano le notizie giunte dal fronte M&A, grande fermento per la cessione della divisione asiatica di assicurazione sulla vita di AIG. Il colosso assicurativo ha raggiunto un accordo per la vendita alla britannica Prudential di AIA per una cifra pari a circa $35.5 miliardi. Sempre oggi la tedesca Merck KGaA ha annunciato l’acquisto della produttrice di farmaci Millipore per $6 miliardi.

L’accordo stretto tra AIG e Prudential e’ la dimostrazione che le attivita’ di fusione e acquisizione sono ancora vive e vegete, e inoltre ha l’effetto di alimentare l’interesse degli investitori nel mercato azionario.

A guidare i rialzi sono stati i tecnologici e le societa’ legate ai consumi, con Apple e Ford Motor che guadagnano oltre due punti percentuali. Amazon e Sandisk avanzano del 5% e 12%. AIG fa un balzo del 6% circa, mentre Prudential Plc ha fatto un tonfo di oltre dieci punti percentuali a Londra.

Non e’ da meno il comparto immobiliare favorito dalle previsioni dell’Oracolo di Omaha. Dieci titoli su 12 sono positivi nel settore dei costruttori di case. Tra queste azioni le piu’ richieste sono le D.R. Horton.

Nel pomeriggio i titoli del quotidiano New York Times hanno brevemente preso il volo sulle voci di un eventuale interesse del miliardario messicano Carlos Slim a comprare la societa’ media. E’ presto pero’ arrivata la smentita e il rialzo si e’ sgonfiato.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico le quotazioni del greggio hanno finito per chiudere in calo dopo una seduta che era stata per gran parte positiva. I futures con consegna aprile hanno ceduto $0.96 attestandosi a quota $78.70 al barile. Sul valutario la moneta unica lascia sul campo lo 0.56% a $1.3555. L’oro lascia sul campo $0.60 a quota $1118.30 l’oncia. Quanto ai Titoli di Stato, i prezzi calano con il rendimento sul benchmark decennale che si attesta al 3.6060% (+11 punti base).