WALL STREET: E’ IL NASDAQ A TIRARE IL RECUPERO

di Redazione Wall Street Italia
28 Giugno 2005 18:35

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta in denaro. Il dato macro sulla fiducia dei consumatori e’ risultato ben al di sopra delle attese. Il prezzo del greggio e’ sceso al di sotto dei $60 al barile.

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in rialzo di 71 punti a 10362, Nasdaq è in denaro di 17 punti a 2062 e l’S&P500 sta guadagnando 8 punti a 1198.
Positive le performances dei settori finanziari, servizi per le telecomunicazioni, “retail”, trasporti, semiconduttori e Internet; in ribass invece energia e assicurazioni.
Le letture del rapporto “put-call” sono del 111% alle 10:00 e del 115% alle 11:00.

L’indice VIX si trova al livello di 11.85. L’indice ”advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +1400. I volumi sul NYSE sono di 514 milioni di titoli scambiati.

L’indice Dow Jones, dopo aver toccato un minimo intra-day a 10253, e’ stato in grado di recuperare parzialmente e chiudere a quota 10290.78. I prossimi livelli di supporto rimangono comunque 10200 e 10000. Considerata la buona qualita’ degli “internals”, almeno fino alla fine della scorsa settimana, sara’ improbabile assistere ad una intensa pressione in vendita, piuttosto invece una lenta discesa verso i livelli di supporto.

TRADING OPERATIVO:

Questa mattina, abbiamo deciso di applicare una stop loss su AMCC e chiudere la posizione.

CHK e MTE stanno perdendo oltre l’1%, YHOO e AU sono in ribasso dello 0.4% circa. Infine, USNA e’ in rialzo dell’1%.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 10 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sul prodotto interno lordo e sul “Chain Deflator”.

POSIZIONI RIALZISTE:

YHOO (APERTA IL 13/12 A $37.65; ATTUALE $35.60; PERF –5.44%)

CHK (APERTA IL 17/3 A $22.35; ATTUALE $22.87; PERF +2.33%)

USNA (APERTA IL 21/3 A $45.0; ATTUALE $42.17; PERF –6.29%)

AU (APERTA IL 7/4 A $35.12; ATTUALE $35.41; PERF +0.83%)

MTE (APERTA IL 7/6 A $6.58; ATTUALE $6.40; PERF –2.74%)

AMCC (APERTA IL 21/6 A $2.83; CHIUSA IL 28/6 A $2.60; PERF –8.13%)