WALL STREET CONTRASTATA, DOW IN VOLATA FINALE

27 Settembre 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il listino dei titoli industriali fa un balzo e conquista il fronte positivo trainato dai rialzi di AT&T (T – Nyse) e Exxon Mobil (XOM – Nyse). Il Nasdaq riesce a frenare i ribassi.

A condizionare l’attivita’ degli investitori ci pensa la preoccupazione per l’economia degli USA.
Sulla scia degli stessi timori inoltre, alcune banche d’affari hanno ridotto le stime sugli utili di diverse societa’ fino al 2002.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

Secondo molti investitori l’attacco terroristico incrementera’ la disoccupazione e ridurra’ le spese per i consumi mandando l’ economia USA in recessione. Di conseguenza le societa’ ritarderanno gli acquisti fino a che sapranno quanto profonda e lunga e’ questa recessione.

“Giorno dopo giorno avremo conferma che questa economia si sta indebolendo sempre piu'”, ha dichiarato Henry Cavanna di J.P. Morgan Fleming Asset Management.

A tirare verso il basso il settore sono principalmente le voci (vedi sezione RUMORS

) che circondano il colosso Intel (INTC – Nasdaq) e le pessime performance di Xilinx (XLNX – Nasdaq) , Rambus (RMBS – Nasdaq), Texas Instruments (TXN – Nyse), Altera (ALTR – Nasdaq), National Semiconductor (NSM – Nasdaq) e LSI Logic (LSI – Nyse).

L’attenzione degli investitori e’ rivolta anche verso il mercato del lavoro, dopo che il dato sui sussidi di disoccupazione ha registrato un rialzo di 58.000 unita’ nella settimana conclusasi il 22 settembre scorso, quella cioe’ successiva agli attacchi terroristici negli USA.

Il dato sui sussidi di disoccupazione fornisce inoltre alcune informazioni relative all’andamento futuro della disoccupazione negli Stati Uniti. “Tutti i numeri sul mercato del lavoro saranno quasi sicuramente terribili”, ha concluso Shepherdson.

Sempre sul fronte macroeconomico, in mattinata e’ stato diffuso il dato sulla vendita di case nuove, salito in agosto dello 0,6% a 898.000 unita’.