WALL STREET CHIUDE POSITIVA ASPETTANDO INTEL

15 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici Usa terminano le contrattazioni positive, in attesa degli utili che saranno pubblicati da molti colossi societari. Il Nasdaq e’ riuscito a recuperare l’importante soglia psicologica dei 2.000 punti, sfondata nelle contrattazioni di lunedi’.

Grande attesa per il bilancio del colosso dei chip Intel (INTC – Nasdaq). In base alle previsioni formulate dagli analisti, la societa’ americana potrebbe battere le stime di mercato, grazie alle vendite del Pentium 4.

Tra le altre societa’ che renderanno noti i bilanci, si mettono in evidenza la societa’ di infrastrutture Internet Juniper Networks (JNPR – Nasdaq) e la societa’ di aste online eBay (EBAY – Nasdaq).

Il Nasdaq ha chiuso a 2.000,91 (+0,51%)
Il Dow Jones a 9.924,15 (+0,33%)
L’S&P 500 a 1.146,19 (+0,68%)

Nonostante le stime positive degli operatori, gli indici hanno sofferto nelle ultime battute, non riuscendo a consolidare i forti rialzi messi a segno nella prima meta’ della seduta, quando il dato confortante relativo alle vendite al dettaglio di dicembre ha contribuito ad alimentare gli acquisti, insieme alle dichiarazioni ottimistiche di Jack Guynn , presidente della Fed di Atlanta, che ha parlato di una ripresa dell’economia nella seconda meta’ del 2002.

A catalizzare l’attenzione del mercato e’ stata anche la compagnia di distribuzione energetica Enron (ENE – Nyse), che e’ stata delistata dalle contrattazioni del Nyse.

L’attesa per gli utili societari ha comunque favorito alcuni titoli high tech come Oracle (ORCL – Nasdaq), Hewlett-Packard (HWP – Nyse) e Dell (DELL – Nasdaq).

Si e’ sgonfiata invece la bolla rialzista di stamattina sui titoli Internet: sia il portale Yahoo (YHOO – Nasdaq) che il titolo del sito di commercio elettronico Amazon (AMZN – Nasdaq) hanno rallentato il passo.

Pesante invece il ribasso della societa’ di software SunMicrosystems (SUNW – Nasdaq), su cui si e’ abbattuta la scure della banca d’affari Credit Suisse First Boston.

Il Dow Jones e’ stato aiutato dai titoli petroliferi e finanziari. I petroliferi ExxonMobil (XOM – Nyse) e ChevronTexaco (CVX – Nyse) sono saliti, snobbando la decisione dell’analista Douglas Terreson della banca d’affari Morgan Stanley di tagliare le stime relative all’utile per azione del 2002. Altri operatori ritengono infatti che e’ arrivato il momento di posizionarsi sul settore in attesa della ripresa della domanda di petrolio prevista per la fine del 2002.

Tra i finanziari in progresso, si sono distinti American Express (AXP – Nyse) e Citigroup (C – Nyse). Poco mosso il broker online Charles Schwab (SCH – Nyse). Bene il gruppo finanziario Wells Fargo (WFC – Nyse) grazie a risultati superiori alle stime.

Prima delle contrattazioni sono stati diffusi gli utili del conglomerato Tyco (TYC – Nyse) e della societa’ di brokeraggio online E*trade (ET – Nyse), che si sono rivelati al di sopra delle aspettative. Entrambi i titoli hanno tuttavia ceduto terreno. In particolare su Tyco si e’ abbattuto il profit warning lanciato dalla societa’.

Per avere piu’ dettagli sui TITOLI CALDI che hanno movimentato la sessione odierna clicca sulla sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!