WALL STREET CHIUDE ANCORA IN RIALZO

4 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Rush finale per Nasdaq e Dow Jones. In particolare il Dow Jones ha beneficiato della buona performance dei finanziari e di alcuni titoli della Old Economy che potrebbero risalire la china grazie alla ripresa economica. Da segnalare l’andamento rialzista dello S&P 500 , che si e’ portato al di sopra della media mobile a 200 giorni.

L’andamento volatile del mercato comunque mette in luce l’incertezza degli investitori. Dopo aver accolto con entusiasmo il dato positivo relativo al tasso di disoccupazione e il cosiddetto ism non manifatturiero gli indici hanno infatti ripiegato: cresce l’attesa della pioggia di utili trimestrali che molte societa’ diffonderanno nel mese di gennaio. Tra l’altro molti analisti ritengono che sia meglio aspettare la prova del nove prima di inneggiare alla ripresa dell’economia.

Il Nasdaq ha chiuso a 2.059,38 (+0,74%)
Il Dow Jones a 10.259,74 (+0,86%)
L’S&P 500 a 1.172,51 (+0,62%)

La giornata e’ stata molto favorevole soprattutto per alcuni titoli industriali, che potrebbero beneficiare della ripresa dell’economia. Bene il gruppo produttore di alluminio Alcoa(AA -Nyse) e il gigante cartario International Paper (IP -Nyse).

Tra i titoli finanziari, si sono fatti notare i rialzi di Merrill Lynch (MER -Nyse), Morgan Stanley Dean Witter(MDW -Nyse) e Goldman Sachs (GS -Nyse), dopo la decisione della banca d’affari Prudential di aumentare il rating del comparto.

Fra i tecnologici, sotto i riflettori il comparto software, in rialzo sulla scia della decisione della banca d’affari Jp Morgan di alzare il rating a “Buy” sulla societa’ di software Adobe Systems (ADBE -Nasdaq), confermando le stime relative al 2002. La notizia sta spingendo al rialzo Oracle (ORCL -Nasdaq) e Sun Microsystems (SUNW -Nasdaq).

Bene anche Intel (INTC -Nasdaq) e soprattutto Emc (EMC -Nyse). Quest’ ultima continua a beneficiare della fiducia delle banche d’affari. Dopo Salomon Smith Barney, anche Banc of America ha alzato il target sul price del titolo da $15 a $20.

Dopo essere stata negativa per buona parte della giornata ha recuperato Aol Time Warner (AOL -Nyse), pesante in apertura dopo le dichiarazioni di Lehman Brothers. La banca d’affari americana ritiene che il gigante dei media potrebbe lanciare un profit warning nella call conference che terra’ lunedi’ prossimo.

Sotto i riflettori Xerox (XRX -Nyse), depressa da voci di mercato secondo le quali l’agenzia di rating Moody’s potrebbe rivedere al ribasso il rating sulle obbligazioni societarie.

Per avere piu’ dettagli sui TITOLI CALDI che hanno movimentato la sessione odierna clicca sulla sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!