WALL STREET: CALMA PIATTA IN MATTINATA

10 Gennaio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Mezz’ora dopo l’apertura delle contrattazioni a Wall Street, gli indici consolidano la stretta banda di oscillazione intorno alla parita’.

In particolare, sul Dow Jones pesano le perdite di Intel (INTC – Nasdaq)e Hewlett-Packard (HW – Nyse) su realizzi di profitto.

Sul mercato allargato pesano i titoli petroliferi, dopo la notizia che Sibneft, la seconda raffineria Russa e una delle maggiori al mondo, ha intenzione di incrementare la produzione del 26% nel 2002.

Anche il Nasdaq continua ad oscillare intorno alla parita’, con Cisco Systems (CSCO – Nasdaq) (Hardware telecom), Oracle (ORCL – Nasdaq) (banche dati), Sun Microsystems (SUNW – Nasdaq) (server aziendali) e Imclone Systems (IMCL – Nyse) (Biofarmaceutica), in calo di oltre l’1%.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Un tema dominante della mattinata e’ quello delle vendite al dettaglio in dicembre.

Oggi sono attesi i dati compilati dai grandi magazzini retail americani. L’aspettativa degli analisti era per un calo consistente delle vendite, il peggiore del 1986.

Le notizie uscite finora sono invece molto confortanti: in dicembre e’ salito dell’8,2% il fatturato di Wal-Mart (WMT – Nyse), la prima catena di grandi magazzini Usa.

I titoli retail hanno continuato a salire nelle ultime settimane, tanto che l’indice Dow Jones retail e’ salito in dicembre del 5,6%, mentre il Dow Jones “classico” (DJIA) e’ salito solo dell’1,7%. Un ottimismo forse eccessivo.

Sul fronte macroeconomico:

I sussidi di disoccupazione americani sono diminuiti la scorsa settimana di 56.000 a 395.000, dai 447.000 della settimana precedente.Gli analisti si attendevano un calo dei sussidi a 425.000.

I prezzi alle importazioni negli USA , escluso il settore petrolifero, hanno registrato un calo dello 0,9% nel mese di dicembre. In novembre il dato era in ribasso dello 0,6%.

Intanto il prezzo del petrolio rimane sotto pressione, dopo che ieri il future di febbraio sul Nymex aveva ceduto il 5%, portandosi a $20,18, mentre quello di marzo sul Brent era sceso del 3,9% a $20,10.

Proprio oggi il future sul Brent e’ sceso sotto l’importante soglia psicologica dei $20.

Una delle possibili ragioni della repentina caduta del prezzo del greggio potrebbe essere la notizia che Sibneft, la seconda raffineria Russa e una delle maggiori al mondo, ha intenzione di incrementare la produzione del 26% nel 2002.

Per avere piu’ dettagli sui TITOLI CALDI che stanno movimentando la sessione odierna clicca sulla sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!