WALL STREET: AVVIO IN LIEVE RIBASSO PER GLI INDICI

22 Marzo 2002, di Redazione Wall Street Italia

Avvio in leggero calo per i listini americani, con il Dow Jones gravato dall’allarme di McDonald’s (MCD – Nyse).
Il Nasdaq e’ conteso tra le cattive notizie di Micron Technology (MU – Nyse) e quelle buone di Applied Materials (AMAT – Nasdaq) e di Palm (PALM – Nasdaq).

Non sono previsti per oggi dati macroeconomici.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Sul Dow Jones e’ in flessione il colosso dei fast food McDonald’s (MCD – Nyse), che ha lanciato un allarme utili sul primo trimestre, affermando che i profitti deluderanno, seppur di poco, le aspettative.

Dopo due sedute consecutive di flessione in cui il titolo ha ceduto il 6,1%, la conglomerata General Electric (GE – Nyse) e’ in progresso, grazie alla nota positiva espressa da Michael Regan, analista della banca d’affari CS First Boston.

Sulla parita’ Johnson & Johnson (JNJ – Nyse), colosso dei prodotti per la cura personale e una delle trenta blue chip del Dow Jones, che ha firmato un accordo definitivo per l’acquisto di tutte le attivita’ di Tibotec-Virco NV, societa’ biofarmaceutica focalizzata sullo sviluppo di trattamenti anti-virali.

Sul Nasdaq, in calo la societa’ di semiconduttori Micron Technology (MU – Nyse), che nel secondo trimestre fiscale ha registrato risultati al di sotto delle aspettative del consensus Thomson/Financial e che ha annunciato la diminuzione della produzione di chip. Non aiuta il giudizio positivo della banca d’affari Banc of America che ha alzato le stime del gruppo sui profitti 2002-03.

In rialzo, invece, Palm (PALM – Nasdaq), n.1 dei palmari, dopo che la banca d’affari J.P. Morgan ne ha alzato il giudizio da ‘market perform’ a ‘long term buy’, applaudendo alla trimestrale positiva annunciata giovedi’ a chiusura dei mercati.

Bene anche il primo produttore al mondo di infrastrutture per chip Applied Materials (AMAT – Nasdaq) dopo aver annunciato che la domanda per i suoi prodotti e’ in crescita. Il vice presidente David Wang ha dihiarato che il tasso di utilizzo e fabbisogno di infrastrutture per chip e’ salito fino al 50% dal 30% d’inizio anno e che tocchera’ probabilmente l’80% per la fine del 2002.

Sull’S&P 500, in calo il gigante americano della calzature sportive Nike (NKE – Nyse), che nonostante abbia registrato per il terzo trimestre utili superiori alle attese, ha annunciato una crescita inferiore alle stime per il fatturato del quarto trimestre fiscale.

In discesa la compagnia di telefonia locale Verizon Communications (VZ – Nyse) dopo che la societa’ di rating Moody’s ha dichiarato che il gruppo dovrebbe ridurre la propria fiducia sui prestiti a breve termine.

Sotto i riflettori il settore media dopo che la banca d’affari Salomon Smith Barney ha ridotto il giudizio su cinque titoli del comparto: Clear Channel Communications (CCU – Nyse), Entravision Communications (EVC – Nyse), Lamar Advertising Company (LAMR – Nasdaq), Regent Communications Inc. (RGCI – Nasdaq) e Univision Communications (UNV – Nyse). Allo stesso tempo, pero’, Salomon ha alzato i target price di Emmis Communications (EMMS – Nasdaq), da $22 a $30, Cox Radio (CXR – Nyse), da $28 a $32, Hispanic Broadcasting (HSP – Nyse), da $26 a $28, e della stessa Entravision Communications, da $14 a $15.

Debutta oggi Travelers Property Casualty Corp. (TAP – Nasdaq), braccio assicurativo di Citigroup (C – Nyse), che ha fissato a $18,50 il prezzo iniziale dei 210 milioni di azioni collocate sul mercato. Si tratta della Ipo piu’ grande della storia nel settore assicurazioni.

Per avere piu’ dettagli sui TITOLI CALDI che stanno movimentando la sessione odierna clicca sulla sezione INSIDER, che trovi sul menu in cima alla pagina. Abbonati subito!!