WALL STREET AVANZA CON CIT GROUP E DATI MACRO

20 Luglio 2009, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ giornata i listini continuano a trattare sopra la linea di parita’ con rialzi di circa mezzo punto percentuale. A permettere agli indici di estendere il recente rally sono le notizie incoraggianti giunte dal settore finanziario e dal fronte macro.

Vuoi sapere cosa comprano e vendono gli Insider di Wall Street? Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

A fare da volano ai Buy e’ la notizia secondo cui CIT Group, societa’ americana specializzata in prestiti alle piccole e medie imprese, ha raggiunto un accordo con gli obbligazionisti che le garantira’ fondi sufficienti ad evitare la bancarotta. La socrsa settimana l’azienda ha rischiato di entrare nella fase di Chapter 11 dopo il ‘no” dell’amministrazione Obama alle richieste di salvataggio.

“A sostenere il mercato questa mattina e’ l’operazione privata sulla societa’ CIT” afferma Peter Cardillo, chief market economist di Avalon Partners a New York. “Il gruppo era sull’orlo del precipizio, non c’erano le prospettive per alcun aiuto governativo, il fatto e’ da ritenersi pertanto molto positivo”. L’azione ha effettuato un balzo dell’85% a $1.30.

Supporto anche dall’unico dato macro presente in calendario che ha ravvivato le speranze di un recupero economico in tempi piu’ ristretti del previsto. Il Superindice di giugno ha infatti registrato il terzo rialzo consecutivo, attestandosi a livelli migliori del consensus.

Quanto alle trimestrali societarie, Eaton, Haliburton, Hasbro, Johnson Controls e PetMed Express hanno tutte battuto le attese degli analisti. Subito dopo la chiusura delle borse saranno, tra le altre, Texas Instruments (TXN), Legg Mason (LM), e Boston Scientific (BSX) a diffondere i rispettivi conti trimestrali. Il colosso dei macchinari Caterpillar riportera’ i risultati in settimana, intanto il titolo avanza grazie all’upgrade ricevuto dagli analisti di Bank of America.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico in lieve progresso il greggio. I futures con consegna agosto avanzano di $0.13 a $63.68 al barile. Sul valutario, avanza l’euro nei confronti del dollaro a quota 1.4215. Sale l’oro a $949.90 l’oncia (+$12.90). Giu’ i Titoli di Stato Usa: il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ salito al 3.6560%.