WALL STREET APRE INCERTA. NASDAQ GIU’

18 Maggio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street apre incerta dopo i dati di bilancio relativi al primo trimestre dell’anno nonche’ a causa delle prospettive per la fine del 2001 fatte da colossi del settore high tech quali Dell (DELL – Nasdaq), Palm Inc. (PALM – Nasdaq), e Agilent Technologies (A – Nyse).

Verificare aggiornamento indici in TEMPO REALE in prima pagina

Citando pressioni e indebolimento sul mercato dei PC destinati alla clientela business, Dell aveva detto di attendersi utili compresi tra 15 e 17 centesimi per azione – il mercato prevedeva 18 centesimi – su un fatturato in calo del 3%-5%.

Il ‘profit warning’ e’ arrivato nella tarda serata di ieri, quando il primo produttore di personal computer al mondo ha diffuso i dati di bilancio relativi ai primi tre mesi dell 2001.

La societa’ ha chiuso il trimestre con un utile di 17 centesimi per azione, in linea con quanto previsto dagli analisti di First call/Thomson Financial e con il risultato dello stesso periodo dello anno scorso.

Palm Inc. ha perso nelle contrattazioni elettroniche di preborsa a New York, dopo aver annunciato il suo secondo ‘profit warning’ relativo al secondo trimestre dell’anno, il quarto fiscale.

Agilent Technologies ha detto che si aspetta una forte perdita per questo trimestre e un calo del fatturato a causa di un clima nel settore “estremamente incerto” e un forte calo degli ordini.

Il profit warning è stato comunicato giovedì in tarda serata assieme ai risultati del secondo trimestre fiscale, finito il 30 aprile. Agilent ha riportato un utile di $96 milioni, o $0,21 per azione, in calo del 42% rispetto ai $166 milioni, o $0,36 per titolo, riportati nello stesso periodo un anno fa.

Il mercato fa anche i conti con la notizia della fusione ormai prossima tra Alcatel (ALA – Nyse) e Lucent Technologies (LU – Nyse).

Oggi il presidente della Federal Reserve Alan Greenspan parlerà ad una conferenza nel Michigan sul sistema bancario. Di solito Greenspan non commenta sulla politica monetaria a questo tipo di incontri ma il mercato si aspetta eventuali sorprese.

In mattinata e’ stato inoltre diffuso il risultato sul deficit commerciale salito in marzo a quota $31,17 miliardi.

Un sondaggio condotto dall’agenzia di stampa Dow Jones insieme alla rete televisiva CNBC tra 16 economisti di Wall Street indicava un deficit contenuto a $29 miliardi. In febbraio il dato si era attestato a $26,99 miliardi.

Atteso inoltre per questo pomeriggio alle 20.00 (14.00 ora New York) il budget federale.