WALL STREET APRE INCERTA, CAUTELA PRIMA DELLA FED

19 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Apertura incerta per le borse USA, che proveranno a lasciarsi alle spalle la pesante flessione della settimana scorsa, con Dow Jones e Nasdaq che hanno lasciato sul campo rispettivamente il 7,7% e il 7,8%.

Verificare in prima pagina aggiornamento indici in tempo reale.

La speranza degli investitori e’ che nella riunione di martedi’ del Federal Open Market Committe (FOMC) – l’organo della banca centrale americana che decide in materia di politica monetaria – arrivi un taglio dei tassi di interesse di 75 punti base che possa rilanciare il mercato.

Speranza che rischia di essere disattesa, come sottolinea il capo economista di Aubrey Lanston & Co., David Jones.

“Dall’economia reale cominciano ad arrivare segnali positivi – commenta Jones – e la Fed e’ solita prendere le decisioni guardando all’economia reale. L’ultima cosa che un banchiere centrale vuole e’ sentirsi in ostaggio dei mercati finanziari”.

La giornata dovrebbe offrire spunti interessanti nel settore del brokeraggio, dopo che Lehman Brothers ha dichiarato che i titoli Merrill Lynch, Morgan Stanley Dean Witter e Goldman Sachs sono sottovalutati.

Nel settore high tech, questa mattina e’ giunto l’ennesimo ‘profit warning’. Corning, una delle societa’ leader nel settore delle fibre ottiche, ha annunciato un abbassamento delle proprie stime di crescita relative al 2001.

La societa’ prevede adesso di chiudere l’anno con utili pro forma compresi tra $1,20 e $1,30. I principali analisti di Wall Street si attendevano un utile di $1,36 per azione.