WALL STREET APRE INCERTA ASPETTANDO DATI

30 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Apertura incerta per le borse USA, in attesa che dal fronte macroeconomico arrivino segnali incoraggianti sullo stato di salute dell’economia americana. La tendenza degli indici appare comunque rialzista.

Verificare quotazioni indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

Tra circa mezz’ora saranno infatti diffusi il cosiddetto ‘Michigan Sentiment’ – l’indice sulla fiducia dei consumatori americani compilato dall’Universita’ del Michigan – e il ‘Chicago PMI’ – la rilevazione sul settore manifatturiero, che precede l’indice Napm.

Grande attenzione sara’ riservata in particolare al ‘Michigan Sentiment’, dopo che questa settimana sono arrivati segnali contrastanti da altri due rapporti sulla fiducia dei consumatori, quello redatto dal Conference Board di New York e quello stilato dall’ABCNEWS/Money Magazine.

A tenere banco sul mercato sono ancora le preoccupazioni relative agli utili aziendali.

Il primo trimestre del 2001, che si chiude ufficialmente oggi, e’ stato, dal punto di vista degli utili societari, il periodo piu’ nero da dieci anni a questa parte.

Secondo le rilevazioni della societa’ di ricerca First Call/Thomson Financial, per i principali analisti di Wall Street, gli utili delle societa’ comprese nell’indice Standard & Poor’s 500 dovrebbero diminuire in media dell’8%. Un calo piu’ pesante si era avuto solo nel 1991.

Che l’economia americana non se la stia passando bene lo dimostrano anche i continui piani di ristrutturazione varati dalle imprese.

Merrill Lynch potrebbe licenziare 150 persone della divisione investment banking, e cioe’ tra il 7 e l’8% della forza lavoro nel settore specifico. Lo sostiene una fonte vicina alla banca d’affari di New York.

Tagli anche in casa del gruppo editoriale Dow Jones. Secondo fonti newyorkesi la societa’ editrice del Wall Street Journal avrebbe in programma licenziamenti nella divisione WSJ.com.