WALL STREET APRE IN ROSSO, TEME RITORNO DELL’ORSO

29 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Apertura in territorio negativo per i principali indici di borsa che risentono delle notizie negative provenienti dal fronte dei bilanci aziendali e del pessimismo ritornato sui mercati.

Verificare quotazioni indici IN TEMPO REALE in prima pagina.

La maggior parte degli analisti a Wall Street prevede per oggi una seduta relativamente calma, con bassi volumi di scambio. Alcuni anticipano pero’ il prossimo ritorno dell’orso sui mercati USA.

Gli investitori navigano a vista e rimangono convinti che la migliore strategia d’investimento sia operare di giorno in giorno o addirittura – per seguire l’esempio di Warren Buffett – non investire del tutto.

Alcuni analisti suggeriscono che la seduta di mercoledi’ rappresenti semplicemente la fine di un rimbalzo tecnico e prevedono ancora nubi all’orizzonte, soprattutto sul fronte degli utili aziendali.

“I rialzi di qualche giorno fa hanno fatto parte di un balzo tecnico, ora terminato – commenta Dirk van Dijk, equity strategist di C.H. Dean & Associates – Abbiamo assistito a pessime notizie relative ai bilanci aziendali e nessuno puo’ dire quando queste potranno durare”.

Oltre al pessimismo che sembra non aver abbandonato gli investitori, a pesare sul settore high tech l’ennesimo ‘profit warning’ di una societa’ del settore delle infrastrutture per le telecomunicazioni.

Questa mattina JNI Corp. (JNIC – Nasdaq) ha infatti annunciato che non sara’ in grado di rispettare gli obiettivi di bilancio per il primo trimestre a causa delle condizioni del mercato.

Notizie poco confortanti provengono anche dal settore wireless dopo che Dale Pfau di CIBC World Markets ha ridotto le proprie stime su utili e fatturato del colosso Qualcomm (QCOM – Nasdaq).

La banca d’affari ritiene infatti che la societa’ risente del forte indebolimento del settore, anche se continua a credere che Qualcomm “sara’ una delle prime societa’ a beneficiare della futura crescita nel settore delle comunicazioni mobili”.

Sul fronte macroeconomico, questa mattina il dipartimento del Commercio USA ha diffuso il dato relativo all’ultima revisione del prodotto interno lordo USA nel quarto trimestre.

Negli ultimi tre mesi del 2000, la crescita del PIL e’ stata rivista a un tasso dell’1%, leggermente al di sotto dell’1,1% precedentemente comunicato. Gli economisti a Wall Street non prevedevano alcuna variazione.

Gli investitori attendono ora i dati economici previsti per domani: reddito personale (febbraio), Chicago PMI (marzo) e il cosiddetto “Michigan Sentiment” (marzo).