WALL STREET: AL GIRO DI BOA INDICI USA IN RIALZO

5 Aprile 2005, di Redazione Wall Street Italia

Indici di Borsa statunitense in contenuto rialzo, in una giornata caratterizzata anche oggi dall’ assenza di dati congiunturali, in attesa del primo di una serie di interventi previsti per la settimana in corso del presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, che peraltro non dovrebbe parlare di politica monetaria né del quadro macroeconomico.

Spicca in ogni caso la performance decisamente positiva di Napster, il servizio di musica online che guadagna ben il 18% a 7,25 dollari, dopo che nel quarto trimestre i ricavi sono stati preannunciati a quota 16,5-17,5 milioni di dollari, nettamente al di là della propria precedente stima di circa 15 milioni. Oltre a questo, Napster nei primi tre mesi dell’ anno in corso ha registrato 143mila abbonati in più, portando il totale a 410mila.

Si comporta bene in Borsa anche Pfizer, leader mondiale nel comparto farmaceutico, che sale di 77 cents, a 26,7 dollari, dopo aver preannunciato un taglio dei costi nell’ ordine di quattro miliardi di dollari, una cifra sensibilmente più alta rispetto alle valutazioni degli analisti. Sulla scia di Pfizer in progresso in questo stesso comparto la quotazione di Merck (+34 cents, a 32,84 dollari) e di Abbott Laboratories (+76 cents, a 46,94 dollari).

Fra i tecnologici, in gran spolvero Google, che sale di 4,71 dollari, a 190 dollari, dopo che Lehman Brothers ha migliorato il giudizio sul primo motore di ricerca Internet al mondo, al livello di ‘overweight’, cioé sovrapesare, dal precedente ‘equal-weight’ (cioé correttamente valutato). L’ analista Douglas Anmuth ritiene infatti che le vendite di Google nel 2005 dovrebbero essere superiori al previsto.

Fra i finanziari, in sofferenza Morgan Stanley, che lascia sul terreno 1,28 dollari, a 57,02 dollari, in quanto in questo caso la stessa Lehman Brothers ha tagliato la valutazione sul titolo al livello di ‘underweight’, cioé sottopesare, dalla precedente ‘equal-weight’. La revisione del giudizio è da mettere fra l’ altro in relazione all’ eventualità di uno spin-off, cioé in pratica di uno scorporo, delle attività nelle carte di credito facenti attualmente alla consociata Discover, un’ operazione che secondo Lehman Brothers non apporterebbe valore al Gruppo.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Nel comparto commerciale, la quotazione di Safeway, uno dei colossi della grande distribuzione, sale di 75 cents, a 19,4 dollari, per effetto del dato positivo relativo all’ andamento delle vendite, cresciute del 3,2% nel primo trimestre fiscale.

Tornando ai faramceutici, Sanofi-Aventis, maggior produttore di vaccino antinfluenzale, avanza di 1,05 dollari, a 42,9 dollari, dopo la valutazione migliorativa sul titolo espressa da Prodential Equity, al livello di ‘over-weight’, cioé appunto sovrapesare.

Attorno alle 17.45 ora italiana l’ indice Dow Jones segna +0,43% a 10.465,70 punti, il Nasdaq composite +0,27% a 1.996,47 e lo S&P 500 +0,46% a 1.181,54.