WALL ST TENTA IL RECUPERO, BENE MICROSOFT

26 Febbraio 2003, di Redazione Wall Street Italia

Dopo un avvio al ribasso sulla scia delle indicazioni deludenti arrivate dal colosso dei PC Hewlett Packard (HPQ – Nyse), gli indici americani tentano il recupero aiutati da alcuni spunti societari ‘bullish’.

Tra questi, gli upgrade sui titoli di Microsoft (MSFT – Nasdaq), Oracle (ORCL – Nasdaq), Tellabs (TLAB – Nasdaq), International Paper (IP – Nyse), la buona trimestrale di Tiffany (TIF – Nyse) e il programma di buyback del colosso del tabacco Altria (MO – Nyse).

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Il gigante informatico Hewlett Packard (HPQ – Nyse) continua tuttavia a pesare sul Dow Jones e sul settore hardware (GHA), cedendo oltre il 10%.

I risultati del gruppo hanno aggravato i timori sulla ripresa dei profitti che la possibilita’ di un conflitto con l’Iraq ha alimentato negli ultimi tempi.

“HP non sta mostrando una crescita del fatturato e questa e’ una grande preoccupazione – ha detto Arthur Hogan, chief market analyst per Jefferies & Co. – e’ positivo che le societa’ stiano tagliando i costi, ma abbiamo bisogno di risultati concreti, ovvero che la domanda torni a salire”.

E proposito di guerra, il presidente Saddam Hussein in un’intervista alla CBS che verra’ trasmessa integralmente questa sera, ha negato rapporti con Al Qaeda, ha detto che non distruggera’ i missili perche’ “non superano i limiti” e ha sottolineato che non intende andare in esilio.

Per avere tutti i dettagli clicca su TITOLI CALDI , in INSIDER.