WALL ST: SEDUTA INTERLOCUTORIA PER I MERCATI USA

14 Febbraio 2005, di Redazione Wall Street Italia

*Marco Bonelli, Managing Director di Raymond James, e’ molto conosciuto tra gli investitori istituzionali e i trader italiani. I suoi commenti quotidiani di meta’ seduta sull’andamento della Borsa Usa (comprese le indicazioni di trading operativo e le posizioni rialziste) non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale di WSI.

_______________________________________

La sessione di oggi si e’ aperta pressoche’ invariata. Verizon (VZ) ha confermato il bid di $6.75 miliardi per l’acquisizione di MCI Inc. (MCIP).

Al momento, l’indice Dow Jones e’ in lettera di 16 punti a 10779, il Nasdaq è in rialzo di 2 punti a 2079 e l’S&P500 sta perdendo 2 punti a 1203.

Positive le performances dei settori energia, “utilities” e servizi per le telecomunicazione; in ribasso invece costruzioni, trasposrti, “retail” e finanziari..
Le letture del rapporto “put-call” sono state del 137% alle 10:00 e del 140% alle 11:00.

L’indice VIX si trova al livello di 11.74. L’indice ”advance/decline” sta facendo registrare una lettura di +100. I volumi sono di 560 milioni di titoli scambiati.

L’indice Dow Jones ha chiuso a quota 10796, solamente 59 punti dal massimo di chiusura del 28/12/04 a 10854. Il Nasdaq ha invece chiuso a 2077, ancora 114 punti dal massimo del 3/1/05 a 2191. Infine, l’indice “advance/decline” chiudendo a +1283 ha fatto registrare un nuovo massimo. Rimaniamo in attesa dunque di vedere se il Dow sara’ in grado di far segnare un nuovo massimo e se il Nasdaq sara’ in grado di confermare.

TRADING OPERATIVO:

Venerdi’ pomeriggio, abbiamo deciso di chiudere la nostra posizione su LCRY con un profitto di circa il 5%.

Tra le nostre posizioni, si sta distinguendo in positivo i titoli di NTAP +4.4% e TSRA +2.6%. AMWD sta perdendo il 2%, mentre STX e NVLS si trovano in lettera di circa lo 0.4%. Infine, GILD, NMGA, YHOO e DOW sono pressoche’ invariati

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

DA QUI ALLA CHIUSURA:

Domani mattina, saranno pubblicati i dati macro sull’indice dello Stato di New York, sulle vendite al dettaglio e sugli inventari.

POSIZIONI RIALZISTE:

GILD (APERTA IL 27/9 A $35.80; ATTUALE $32.83; PERF –8.30%)

TWP (APERTA IL 29/9 A $43.65; CHIUSA IL 8/2 A $49.12; PERF +12.53%)

KLAC (APERTA IL 7/10 A $43.15; CHIUSA IL 8/2 A $49.64; PERF +15.04%)

TXN (APERTA IL 7/10 A $22.81; CHIUSA IL 8/2 A $25.50; PERF +11.79%)

NMGA (APERTA IL 23/11 A $68.40; ATTUALE $71.97; PERF +5.22%)

COH (APERTA IL 23/11 A $49.0; CHIUSA IL 8/2 A $55.62; PERF +13.51%)

NVLS (APERTA IL 3/12 A $29.40; ATTUALE $29.36; PERF –0.14%)

YHOO (APERTA IL 13/12 A $37.65; ATTUALE $34.23; PERF –9.08%)

NTAP (APERTA IL 7/1 A $30.60; ATTUALE $33.98; PERF +11.05%)

AMWD (APERTA IL 19/1 A $45.20; ATTUALE $42.20; PERF –6.64%)

AAPL (APERTA IL 25/1 A $71.10; CHIUSA IL 31/1 A $75.95; PERF +6.82%)

LSI (APERTA IL 26/1 A $5.35; CHIUSA IL 28/1 A $5.91; PERF +9.85%)

FFIV (APERTA IL 2/2 A $46.80; CHIUSA IL 8/2 A $48.82; PERF +4.32%)

IPMT (APERTA IL 4/2 A $46.30; CHIUSA IL 8/2 A $48.0; PERF +3.67%)

DELL (APERTA IL 4/2 A $41.10; CHIUSA IL 11/2 A $39.80; PERF –3.16%)

LCRY (APERTA IL 7/2 A $22.20; CHIUSA IL 11/2 A $23.30; PERF 4.95%)

SYNA (APERTA IL 7/2 A $34.70; CHIUSA IL 9/2 A $32.50; PERF –6.34%)

STX (APERTA IL 9/2 A $17.45; ATTUALE $17.22; PERF –1.32%)

TSRA (APERTA IL 10/2 A $38.60; ATTUALE $41.73; PERF –8.11%)

DOW (APERTA IL 11/2 A $51.10; ATTUALE $51.65; PERF +1.08%)

BORSA: NEW YORK; INDICI STABILI, TLC SOTTO I RIFLETTORI/ANSA

ROMA, 14 feb – Indici di Borsa statunitensi poco mossi, in un contesto caratterizzato dall’ attenzione del mercato nei confronti dei titoli telefonici, alla luce dell’ accordo formalizzato oggi relativo all’ ennesimo ‘merger’, cioé fusione, in questo settore, cioé l’ acquisto di MCI da parte di Verizon Communications.

Per il resto, la giornata odierna non aveva in calendario dati macroeconomici ed è passato in secondo piano – dal punto di vista borsistico – l’ accordo fra Fiat e General Motors, che ha messo fine alla collaborazione fra i due Gruppi con il pagamento da parte del colosso di Detroit di due miliardi di dollari.

Verizon in ogni caso guadagna 74 cents, a 37,05 dollari, mentre a sua volta MCI (l’ ex WorldCom) passa di mano in calo di 1,17 dollari, a 19,58. Va tenuto conto che l’ offerta di Verizon, pari a 6,7 miliardi di dollari, è risultata inferiore a quella – da 7,3 miliardi – presentata da Qwest Communications International, il cui titolo arretra di 20 cents, a 3,95 dollari. Sempre in tema di telefonici, positivo il titolo SBC Communications, che sale di 15 cents, a 24,41. SBC è stata protagonista di recente di un altro ‘merger’ nella telefonia fissa, in questo caso con AT&T.

Fra i titoli di maggiore richiamo, è in ribasso AIG, il colosso assicurativo che viene penalizzato dalle citazioni inviate dalla procura generale di New York e dalla Sec – organo di vigilanza sulla Borsa – in relazione alla vasta inchiesta in corso relativa alla vendita di alcune tipologie di prodotti che avrebbero potuto aiutare alcune aziende a mascherare perdite di bilancio. La quotazione di AIG è in calo di 1,29 dollari, a 71,83.

Fra i titoli più negativi, OfficeMax perde il 6,1% a 29,82 dollari, in quanto il terzo maggior fornitore di prodotti ad uso ufficio ha comunicato le dimissioni del chief executive officer, Christopher Milliken, oltre alla decisione di rimettere mano ai conti relativi ai primi tre trimestri dello scorso anno. Fra i tecnologici, molto positiva ancora una volta Apple Computer, che guadagna 2,47 dollari, a 83,68.

Il titolo beneficia delle valutazioni espresse da un analista di UBS, Benjamin Reitzes, che ha ritoccato al rialzo le previsioni di utile per azione nel secondo trimestre, a 45 cents dai precedenti 41 cents. Quanto a General Motors, la quotazione à in lieve rialzo, +26 cents, a 37,4 dollari, appunto dopo l’ accordo che sancisce peraltro la rottura della collaborazione con Fiat avviata nel 2000. Nel comparto Internet, Monster Worldwide, maggiore sito Web per le opportunità di lavoro, avanza di 63 cents, a 28,02 dollari, dopo aver acquisito Emailjob.com per 26 milioni di dollari.

Attorno alle 18.00 ora italiana l’ indice Dow Jones è in ribasso dello 0,15% a 10.780,12 punti, il Nasdaq composite guadagna lo 0,13% a 2.079,46 e lo S&P 500 segna -0,09% a 1.204,24.