WALL ST: S’ALLENTA
LA TENSIONE, LA BORSA SALE

3 Marzo 2003, di Redazione Wall Street Italia

Wall Street da’ avvio alla prima seduta della settimana all’insegna degli acquisti, grazie allo smorzarsi delle tensioni provenienti dal fronte internazionale.

Attesa per i dati, che saranno comunicati alle 16 (le 10.00 ore di New York), relativi all’Ism manifatturiero di febbraio e alle spese per costruzioni di gennaio.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

Gli investitori accolgono con favore l’arresto di Khalid Mohammed, uomo chiave di Al Qaeda e regista degli attacchi terroristici dell’11 settembre. Un altro fattore chiave che riporta l’ottimismo sui mercati e’ la distruzione da parte dell’Iraq dei missili al-Samoud 2 . Il totale dei missili distrutti arriva cosi’ a sedici. Con l’Iraq che e’ andata incontro ad alcune richieste di disarmo dell’Onu, i venti di guerra sembrano piu’ lontani. Tra sette giorni sara’ presentato il rapporto sull’antrace e il nervino.

ALTRI TEMI DELLA SEDUTA

A sostenere Wall Street e’ anche l’ottimismo manifestato dalla societa’ di ricerca Trim Tabs, che ha dichiarato di essere bullish sui mercati azionari , modificando cosi’ il suo atteggiamento dal precedente “cautiously bullish”. Tra le ragioni, la societa’ cita la crescita delle operazioni di riacquisto di azioni proprie dal parte delle aziende.

Aiuta i mercati azionari il nuovo ribasso del petrolio . Secondo gli operatori, il voto turco che ha rifiutato il passaggio sul territorio nazionale alle truppe americane, ha influito sulle previsioni dei prezzi dell’oro nero.

Un’altra notizia positiva e’ stata resa nota dalla Semiconductor Industry Association (SIA). L’associazione dell’industria chip ha annunciato che nel mese di gennaio le vendite globali di semiconduttori si sono attestate a $12,2 miliardi, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il dato positivo ha portato la SIA a formulare previsioni confortanti per il 2003. Per la SIA le vendite di chip registreranno quest’anno una crescita a due cifre, mentre la spesa tecnologica aumentera’ tra il 4% e il 7%. Le vendite dei pc dovrebbero invece aumentare tra il 10% e il 14%.

Ma le cifre diffuse dalla Semiconductor Industry Association non hanno convinto UBS Warburg . La banca d’affari ha sottolineato che le vendite si sono rivelate infatti al di sotto delle attese, dal momento che, escludendo le memorie Flash e Dram, le vendite di altre categorie hanno accusato un ribasso di due cifre.

I mercati hanno ignorato la comunicazione dei dati relativi al reddito e alle spese personali , rivelatisi inferiori alle previsioni. Nel mese di gennaio il reddito personale e’ cresciuto dello 0,3% contro il +0,4% stimato dal consensus degli analisti. In calo dello 0,1% le spese personali.

Tra le storie che tengono banco, da segnalare le dimissioni del direttore finanziario della societa’ di servizi finanziari Capital One (ONE – Nyse), dopo i sospetti sulle operazioni di insider trading.

SUI LISTINI

Sul listino dei titoli industriali crescono i produttori di pc IBM (IBM – Nyse) e Hewlett Packard (HPQ – Nyse), dopo le previsioni fiduciose sulla crescita delle vendite di computer formulate da Trim Tabs. Tra le blue chip del Dow Jones, occhi puntati anche alla societa’ di largo consumo Procter&Gamble (PG – Nyse), in trattative per l’acquisizione di Wella AG.

Sul Nasdaq notizie negative per il produttore di computer palmari Palm (PALM – Nyse). Il gruppo ha lanciato un “warning” sulle vendite del terzo trimestre fiscale del 2003, la cui scadenza cade nel mese di febbraio.

A fare da contraltare all’allarme di PALM, l’ottimismo che Merrill Lynch ha manifestato sul colosso dei chip Intel (INTC – Nasdaq). La banca d’affari ha dichiarato di essere fiduciosa sulla possibilita’ che INTC confermi le proprie stime in occasione dell’aggiornamento sui risultati infratrimestrali atteso per giovedi’ prossimo. “Il lancio del Banias (il nuovo chip per il mercato telecom dell’azienda), atteso per il 12 marzo, offre una valida ragione “per essere ottimisti”. Il titolo non riesce tuttavia a beneficiare a pieno della notizia. Nonostante la fiducia, , la banca d’affari ha infatto reiterato il rating “neutral” sul titolo.

Sul tabellone elettronico, occhi puntati anche sul titolo della societa’ software Intuit (INTU – Nasdaq), premiata con una valutazione buy da Merrill Lynch.

Per tutti i dettagli sui titoli che stanno movimentando la seduta odierna clicca su WSI TITOLI CALDI, in INSIDER.