WALL ST. RESTA DEBOLE, INDICI IN CALO -2%

7 Aprile 2009, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ giornata gli indici azionari Usa proseguono sulla strada dei ribassi. 28 dei 30 componenti dell’indice industriale si muovono in territorio negativo, tra i titoli maggiormente deboli si distingue Alcoa, il gigante dell’alluminio che diffondera’ i risultati trimestrali subito dopo la chiusura delle borse. La societa’ dovrebbe riportare una perdita di 60 centesimi per azione, nello stesso periodo dello scorso anno l’EPS si attesto’ a $0.44.

Stando alle stime dei principali gruppi di ricerca, le societa’ facenti parte dell’S&P500 dovrebbero riportare in media un calo del 38% degli utili nel primo trimestre, segnando l’ottavo calo consecutivo dei profitti aziendali. Gli operatori restano pertanto sulla difensiva dopo il maxi rialzo delle ultime settimane, in attesa di nuovi dettagli sulla direzione dell’economia.

Ad innervosire gli investitori in mattinata e’ stato l’allarme lanciato sul settore bancario dal Fondo Monetario Internazionale, secondo cui le attivita’ tossiche nei bilanci delle banche e dei gruppi assicurativi potrebbero raggiungere la cifra record di $4 mila miliardi. Solo ieri alcuni analisti avevano avvertito su un incremento di svalutazioni e perdite per gli istituti finanziari, a livelli superiori a quelli fatti registrare durante gli anni della Grande Depressione.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

Tra le societa’ hi-tech, continua a spingersi al ribasso il produttore di software Sun Microsystems, dopo aver rotto le trattative di merger con IBM. Tra i Big del comparto Google arretra del 2.68%, Apple segna -2.70%, Intel perde il 2.2%; in controtendenza Microsoft che guadagna l’1.10%.

Il calendario economico non e’ particolarmente ricco di eventi: in programma vi e’ solo il dato sul credito al consumo per cui e’ prevista una contrazione pari a 1,5 miliardi di dollari.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Gold Miners-GDX +1.93%, Gold-GLD +1.79%, Silver-SLV +1.76%, US Healthcare Provider-IHF +0.96% e US DOllar Bullish-UUP +071%. Tra i piu’ forti ribassi: Realty Majors-ICF -4.07%, Solar Energy-KWT -3.82%, Home Builders-XHB -3.81%, US Natural Gas-UNG -3.65%, Retail-XRT -3.32%.

Alle 12.30 EDT il volume di scambio e’ di 453 milioni di pezzi al NYSE e 766 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 695 a 2109 al Nyse e 781 a 1752 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 2 a 4 al NYSE e 5 a 6 al Nasdaq.