WALL ST PROVA A DIMENTICARE IL CROLLO DI LUNEDI’

13 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Apertura col segno piu’ per le borse USA. Dopo la disfatta di lunedi’ – con il Nasdaq che ha lasciato sul campo oltre il 6% e il Dow alla quinta peggiore prestazione di sempre – oggi gli indici beneficiano dell’interpretazione data dal mercato al dato sulle vendite al dettaglio in febbraio.

Verificare aggiornamento indici in tempo reale in prima pagina.

Le vendite al dettaglio sono calate in febbraio dello 0,2%, una flessione del tutto imprevista, dato che la previsione degli analisti di Wall Street era per una crescita dello 0,4%.

Il mercato ha accolto comunque positivamente il dato, focalizzandosi anche sulla revisione dell’indicazione relativa a gennaio, in cui le vendite al dettaglio sono state riviste in crescita dell’1,3% rispetto al precedente +0,7%.

Se letto nel suo complesso, il dato lascia dunque trasparire un legero miglioramento dello stato di salute dell’economia USA, come commenta Henry Willmore, economista di Barclays.

Secondo Willmore l’andamento delle vendite al dettaglio negli USA in gennaio e febbraio lascia intravedere una crescita della domanda dei consumatori tra il 2% e il 2,5% nel primo trimestre del 2001, che allontana il fantasma della recessione.

Meno ottimista la posizione di Ian Shepherdson, economista di High Frequency Economics. Secondo Shepherdson, nonostante il dato nel suo complesso rispecchi le aspettative, il declino della fiducia dei consumatori non ha ancora avuto un impatto sulle vendite. Un impatto che ci sara’ solo nel secondo trimestre.