WALL ST PIATTA IN AVVIO, FOCUS SU ECONOMIA E GREGGIO

29 Settembre 2006, di Redazione Wall Street Italia

Gli indici americani hanno inziato la seduta di borsa sulla parita’. A mettere un freno al recente ottimismo e’ stato il dato sull’inflazione rilasciato in mattinata. Ma il calo del greggio e la convinzione piu’ o meno diffusa che la Fed abbia abbandonato l’atteggiamento di politica monetaria restrittiva potrebbe aver l’effetto di spingere al rialzo i listini nell’arco della seduta. Il Dow Jones guadagna lo 0.04% a 11723, l’S&P500 lo 0.04% a 1339, il Nasdaq avanza dello 0.02% a 2270.

Il reddito personale ad agosto e’ cresciuto dello 0.3% (consensus 0.3%) mentre le spese al consumo sono avanzate dello 0.1% (consensus 0.2%). Il dato maggiormente monitorato da vicino dalla Fed, relativo all’indice dei prezzi al consumo, e’ cresciuto dello 0.2% rispettando le attese, ma portando il tasso annuale al 2.5%, ben oltre il tetto massimo fissato dalla Banca Centrale. Ai fini del trading giornaliero, molto importanti saranno il dato rivisto sulla fiducia Michigan (15:50), e il Chicago PMI di settembre (16:00)

Ieri gli indici hanno chiuso in rialzo la seduta per la quarta volta consecutiva: il Dow Jones e’ ora ad un soffio dal massimo storico, dopo aver superato, durante le contrattazioni, il record di chiusura.

Per quanto riguarda le contrattazioni sul Nymex, il petrolio e’ debole anche in mattinata, come dimostra il calo di 54 centesimi dei futures con scadenza novembre, a quota $62.22. Alcune speculazioni, relative ad un possibile taglio della produzione da parte dell’OPEC, per bilanciare il forte incremento delle scorte, potrebbero avere l’effetto di limitare le vendite sull’oro nero.

Relativamente al comparto societario, si prevede una giornata positiva per la societa’ di chip Advanced Micro Devices, sull’accordo siglato con Founder Technology, secondo produttore cinese di Personal Computer.

Debolezza, invece, per la societa’ di consulenza, Accenture, dopo aver riportato una trimestrale in cui i ricavi si sono attestati ad un livello infeirore a quello atteso dagli analisti. Lo stesso dicasi per Tibco Software. Rally, invece, per Research In Motion, balzato del 19% dopo la chiusura di giovedi’ grazie ai brillanti risultati trimestrali. Numerosi i commenti positivi di diverse banche d’affari.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 8 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, sul valutario, l’euro e’ in calo nei confronti del dollaro a $1.2665. L’oro arretra di $6.40 a $604.50 l’oncia. Invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.61%.