WALL ST: PESANTI VENDITE, NUOVO ALERT GREGGIO

11 Giugno 2008, di Redazione Wall Street Italia

Continuano a prevalere le vendite sulla borsa americana (controlla la performance in tempo reale), intensificatesi in parallelo al nuovo balzo del petrolio, risalito in area $136 in seguito al rilascio dei dati settimanali sulle scorte.

Gli operatori continuano a mostrarsi preoccupati dall’incessante aumento dei prezzi eenrgetici. Le conseguenze di un aumento dei tassi d’interesse a livello globale, per contenere l’inflazione, e di una riduzione della spesa dei consumatori, non invogliano all’investimento sul comparto azionario. Il Beige Book, che verra’ diffuso nelle prossime ore, potrebbe offrire maggiori indicazioni riguardo la dinamica dei prezzi e le condizioni economiche Usa.

Dopo lo scivolone di ieri, il greggio e’ tornato a guadagnare terreno, spinto dalle dichiarazioni del CEO di Gazprom, secondo cui l’oro nero arrivera’ a toccare i $250 al barile entro il 2010, e dagli ultimi dati sulle scorte, scese in misura maggiore delle attese. Al giro di boa i futures con consegna luglio segnano un progresso di $4.50 a $135.81. La scorsa settimana si era assistito alla rottura della barriera dei $139, non lontana dagli attuali livelli.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Soltanto questa settimana, e’ a META’ PREZZO! Approfitta di questa offerta speciale, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte societario, in ambito di mergers & acquisitions, il gruppo retail di prodotti per l’ufficio Staples (SPLS) ha ottenuto il supporto di Corporate Express (CXP) al quarto tentativo di rilevare la rivale olandese, offrendo un corrispettivo di $2.6 miliardi in cash.

La Royal Bank of Scotland (RBS) ha annunciato che le svalutazioni trimestrali saranno sostanzialmente in linea con quanto annunciato nel mese di aprile, pari a circa $5.9 miliardi. E’ stato preso di mira dai ribassisti il titolo Amerigroup (AGP), dopo che la societa’ assicurativa ha posticipato la comunicazione dell’outlook a causa di negoziazioni sui costi ancora in corso con lo stato del Tennessee.

Soffre il comparto dei chip, in calo per il quarto giorno consecutivo, inevitabili le vendite sul settore aereo, con lo XAL in ribasso di oltre 3 punti percentuali. Si distinguono in positivo i settori energetico/commodities e agricolo/chimico.

Alle 12.20 EDT il volume di scambio e’ di 552 milioni di pezzi al NYSE e 906 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 889 a 2352 al Nyse e 825 a 1908 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 26 a 195 al NYSE e 23 a 160 al Nasdaq.

parla di questo articolo nel Forum di WSI