WALL ST. IN LIEVE CALO, NON REGGE IL SENTIMENT POSITIVO

20 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

Ancora un’altra seduta nel segno della volatilita’ per gli indici americani. Le buone notizie societarie e il ritracciamento del greggio non sono sufficienti a spingere al rialzo i listini che a meta’ giornata trattano in lieve ribasso, pressati dal recupero dei tassi sui bond. Il Dow Jones segna un calo dello 0.06% a 13327, l’S&P500 dello 0.30% a 1529, il Nasdaq arretra dello 0.09% a 2624.

Buoni spunti fin dal preborsa erano arrivati dal comparto retail con il colosso degli articoli per la casa, e componente del Dow Jones, Home Depot ([[HD]]). Dopo aver annunciato la vendita del business delle forniture per un controvalore di $10.3 miliardi, la societa’ ha comunicato un piano di riacquisto di azioni proprie del valore di $22.5 miliardi. Il titolo continua a trattare in buon rialzo (+7%).

Segnali incoraggianti sono giunti anche dal settore bancario/finanziario: la banca d’affari Morgan Stanley ([[MS]]) ha riportato un bilancio fiscale che ha facilmente battuto le attese degli analisti; gli utili per azione si sono attestati a $2.45 (consensus $2.01), i ricavi sono ammontati a $11.52 miliardi (stime: $9.91 mld).

Contrastata la trimestrale del corriere internazionale Fedex ([[FDC]]); negativo il bilancio fiscale della catena di negozi d’elettronica Circuit City ([[CC]]) (all’indomani dei deludenti risultati della rivale Best Buy ([[BBY]])): il gruppo ha riportato una perdita nel primo trimestre e ritirato le stime sui prossimi mesi.

Ad azzerare i guadagni iniziali e’ pero’ il rialzo dei tassi sui bond, fonte di grosse pressioni nelle ultime due settimane. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ in progresso al 5.11% dal 5.08% della chiusura di ieri.

Neanche il calo del greggio, arretrato dai recenti massimi di $69.10, sembra offrire al momemto un supporto alle contrattazioni. In seguito ad un rialzo inaspettato delle scorte settimanali di petrolio, i futures con consegna luglio sono in ribasso di $1.56 a $67.54 al barile.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Home Improvement Retail +4.7%, General Merchandise Stores +1.6%, Tires & Rubber +1.3%, Electronic Manufacturing Services +1.2%, e Broadcasting & Cable TV +1.2%. In maggiore ribasso: Office REITS -2.4%, Brewers -2.2%, Oil & Gas Equipment -1.7%, Intergraded Oil & Gas -1.5%, e Industrial REITS -1.4%.

Alle 12.30 E.T. il volume di scambio e’ di 613 milioni di pezzi al NYSE e 795 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 1276 a 1834 al Nyse e 1177 a 1690 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 95 a 8 al NYSE e 48 a 20 al Nasdaq.