WALL ST. CONTRASTATA, DELUDONO I DATI MACRO

31 Luglio 2008, di Redazione Wall Street Italia

A meta’ giornata gli indici americani procedono contrastati (controlla la performance in tempo reale): si notano alcuni acquisti sul Nasdaq, mentre Dow Jones ed S&P00 stanno faticando a recuperare il terreno ceduto in avvio. A mettere pressione agli indici sono stati gli ultimi dati macroeconomici che hanno evidenziato una crescita dell’economia inferiore alle attese ed un deterioramento del mercato del lavoro.

Nel secondo trimestre il Pil americano e’ avanzato dell’1.9%, in calo rispetto alle attese degli economisti che erano per un progresso del 2.3%. Inferiori alle attese anche i dati giunti dal fronte occupazionale, con le nuove richieste di sussidio da parte dei disoccupati schizzate ai massimi di 5 anni. Nella giornata di ieri erano emersi segnali positivi dall’ADP Employment Report, che ha evidenziato un trend in crescita nel settore privato; domani sara’ la volta dell’importante rapporto sull’occupazione.

“Il dato sul Pil e’ particolarmente preoccupante se si tiene conto dello stimolo fiscale offerto dal governo che ha contribuito a promuovere gli acquisti da parte delle famiglie americane. E’ inevitabile un rallentamento nella seconda meta’ dell’anno” ha affermato Robert Brusca di FAO Economics.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sul fronte societario, tre le aziende che hanno diffuso le trimestrali in mattinata hanno battuto le attese Kellog (K), MasterCard (MA), International Paper (IP) e il colosso della telefonia mobile motorola (MOT), il cui titolo e’ in progress di oltre il 12% al giro di boa. Male il gigante petrolifero Exxon Mobil (XOM) il cui titolo si muove in rosso nel preborsa. Nella giornata di ieri sia Visa (V) che Walt Disney (DIS) avevano fatto meglio del consensus; deludenti i numeri della catena di coffee-shop Starbucks, che ha riportato un EPS di 2 centesimi inferiore alle stime.

Il ritracciamento del dollaro (1.56 contro euro), penalizzato dai dati sulla congiuntura a stelle e strisce, sta favorendo gli acquisti sui titoli dell’oro, mentre il greggio ha ripreso la corsa al ribasso dopo il rialzo di ieri.

A livello settoriale le migliori performance sono segnate dai comparti: Paper Products +9.0%, Broadcasting & Cable Television +3.1%, Homebuilding +3.0%, Healthcare Services +2.6%, e Building Products +2.4%. Tra i piu’ forti ribassi: Photo Products -10.0%, Coal & Consumable Fuel -8.5%, Construction & Engineering -4.7%, Steel -4.5%, e Industrial REITS -4.0%.

Alle 12.20 EDT il volume di scambio e’ di 470 milioni di pezzi al NYSE e 938 milioni al Nasdaq. I titoli in rialzo contro quelli in ribasso sono 1278 a 1701 al Nyse e 1240 a 1431 al Nasdaq. I nuovi massimi contro i nuovi minimi delle ultime 52 settimane sono: 6 a 11 al NYSE e 17 a 25 al Nasdaq.

parla di questo articolo nel Forum di WSI