WALL ST: BOOM AL RIALZO, NASDAQ +8,9%, DOW +4,2%

5 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

Si chiude una seduta caratterizzata da guadagni d’eccezione, per il Nasdaq Composite, il secondo piu’ alto rialzo percentuale degli ultimi tre mesi, il terzo della sua storia.

L’indice high tech, trainato verso l’alto dall’ottimismo attorno a PC, semiconduttori e Internet, termina con una crescita di circa l’8,9%, mentre l’indice delle blue chip riconquista quota 9.900 punti.

A Wall Street – dicono gli operatori – si e’ oggi sentito l’effetto delle ricoperture e del cosiddetto ‘panic buying’. Molti rimangono dubbiosi e sostengono che si sia trattato di un balzo tipico di un mercato orso.

Il Nasdaq ha chiuso a 1.785,14 (+8,93%), il Dow Jones ha chiuso a 9.918,05 (+4,23%), l’ S&P 500 a 1.151,46 (+4,37%) e il Russell 2000 a 444,73 (+4,46%).

A far tornare l’ottimismo sui mercati e a spiazzare gli investitori che giocavano al ribasso, le buone notizie riguardanti Dell Computer (DELL – Nasdaq).

Il produttore di personal computer e’ infatti sicuro di riuscire a rispettare le stime di bilancio per il primo trimestre. L’annuncio, arrivato nella tarda serata di ieri, ha immesso ossigeno su tutto il comparto coinvolgendo nei rialzi sia il tabellone elettronico che il Dow Jones.

“L’annuncio di Dell non poteva che fare bene al mercato – commenta Bob Rhodes del fondo Trusco Capital Management – e’ proprio quel tipo di notizia che gli investitori stavano aspettando per riprendere ad acquistare azioni”.

Molti analisti continuano pero’ ad essere scettici. “E’ una crescita tipica di un mercato orso – dice un trader sul floor del New York Stock Exchange – Gli investitori istituzionali non sono stati molto presenti oggi”.

Dello stesso parere anche Ralph Acampora di Prudential Securities. Il Chief Market Analyst della banca d’affari americana ritiene infatti che il mercato attraversi ancora un trend di perdita.

Acampora, tuttavia, giustifica il rally di oggi: “Tutti si attendevano un salto in avanti e il mercato e’ quello che ha cercato di fare oggi – ha detto l’analista – Quello di cui avremmo bisogno, pero’, sarebbe una ripresa robusta, generalizzata e caratterizzata da alti volumi di scambio”.

Tra le blue chip, si e’ fatta notare, oltre a International Business Machines (IBM – Nyse) e Alcoa (AA – Nyse), anche Intel (INTC – Nasdaq) che, con un guadagno di oltre il 13%, ha trascinato verso l’alto tutto il settore dei chip; tutto cio’, nonostante la banca d’affari Merrill Lynch abbia ridotto questa mattina il proprio rating su due big, Micron Technology (MU – Nyse) e Advanced Micro Technology (AMD – Nyse).

In crescita anche il Philadelphia Semiconductor Index (SOX – PHLX), l’indice piu’ rappresentativo del comparto dei chip, che vola sopra quota 500 punti, e il tracking stock dell’indice Nasdaq 100 (QQQ – Amex) che sale di oltre il 10%.

Notizie positive arrivano anche da un altro emblema della ‘New Economy’. Questa mattina Lehman Brothers ha infatti alzato il rating su Yahoo! (YHOO – Nasdaq), portandolo da ‘Market Perform’ a ‘Buy’.

Holly Becker, l’analista che ha steso il rapporto sul primo portale Internet del mondo, sostiene che il prezzo del titolo e’ ora sufficientemente basso per comprare. Becker ha determinato in $20 per azione il target sul prezzo.

Sui listini in generale, hanno mostrato tendenza al rialzo il settore del brokeraggio, quello dei chip, infrastrutture per le tlc, personal computer, Internet, software, biotech, intrattenimento, banche, acciaio, grande distribuzione; in salita anche il comparto petrolifero, aerospaziale, chimico e del trasporto aereo.

Tendenza alla discesa invece per il settore delle bevande analcoliche, alimentare, utility e edilizio.

Tra i titoli che oggi hanno strappato rialzi d’eccezione sulle borse americane:

1) ITC^DeltaCom (ITCD – Nasdaq) +60,32%;
2) RCN Corporation (RCNC – Nasdaq) +57,45%;
3) U.S. Laboratories Wrrt (USLBW Nasdaq) – +46,43%;
4) XO Communications (XOXO – Nasdaq) +46,07%;
5) Sonus Networks (SONS – Nasdaq) +44,17%.

I ribassi si sono invece particolarmente accaniti contro:

1) Abaxis (ABAX – Nasdaq) -35,38%;
2) Ace Cash Express (AACE – Nasdaq) -32,98%;
3) Aspen Technology (AZPN – Nasdaq) -31,25%;
4) IKOS Systems (IKOS – Nasdaq) -26,88%;
5) IRIDEX (IRIX – Nasdaq) -22,58%.

Tra i principali titoli in movimento oggi a Wall Street:

Nel settore dell’ acciao :

Alcoa (AA – Nyse)
ha conquistato circa il 5,25%. La societa’ ha chiuso il primo trimestre con un utile di $0,46 per azione, al di sopra delle aspettative dei principali analisti di Wall Street che si attendevano un utile contenuto a $0,44 per azione. Il fatturato e’ salito a $6,18 miliardi.

Nel settore dei media :

Il sito di notizie finanziarie TheStreet.com TSCM – Nasdaq) nella giornata di oggi, non ha subito variazioni, nonostante la decisione di ridurre ulteriormente il personale nel tentativo di far fronte alle mutate condizioni economiche. Dopo il taglio di circa 1000 posti di lavoro avvenuto lo scorso novembre, e’ ora la volta di 40 posizioni nella divisione editoriale. I licenziamenti lasceranno TheStreet.com con circa 150 dipendenti e promettono un risparmio annuo di circa $15 milioni.
(Vedi Thestreet.com taglia ulteriori posti di lavoro )

Nel settore Internet :

Yahoo (YHOO – Nasdaq)
ha guadagnato oltre il 24% dopo che la banca d’affari Lehman Brothers ne ha alzato il rating da “Market Perform” a “Buy”. Holly Becker, l’analista che ha steso il rapporto sul primo portale Internet al mondo, sostiene infatti che il titolo e’ ora sufficientemente basso per comprare.
(Vedi Preborsa: Yahoo +22% dopo rating Lehman )

Nel settore dei personal computer :

Dell (DELL – Nasdaq)
e’ in rialzo oggi di quasi il 14% dopo aver dichiarato ieri sera a mercati chiusi che intende raggiungere le stime di bilancio per il primo trimestre. Il produttore di personal computer prevede un utile di $0,17 per azione su vendite pari a $8 miliardi.

Nel settore del software :

Aspen Technology (AZPN – Nasdaq)
ha visto una perdita di quasi il 32%. La societa’ di software per l’automazione ha lanciato un ‘profit warning’ relativo ai dati di bilancio del primo trimestre. Attesa una perdita tra 10 e 12 centesimi per azione, ben al di sotto dei 12 centesimi di utile previsti dagli analisti.

WebMethods (WEBM – Nasdaq)
ha guadagnato quasi il 12%. La societa’ di software per il business-to-business prevede per il primo trimestre un fatturato da $60 e $62 milioni e un utile piatto. Gli analisti a Wall Street ipotizzavano un fatturato di $65 milioni e un utile di 6 centesimi per azione.

Nel settore dei trasporti :

FedEx Corp. (FDX – Nyse)
ha perso circa il 2% dopo aver abbassato, nella tarda serata di ieri, le proprie attese sugli utili relativi al quarto trimestre.