WALL ST: AVVIO FIACCO, OCCHI PUNTATI SULLA FED

3 Maggio 2005, di Redazione Wall Street Italia

Avvio di seduta fiacco per i listini americani, con gli operatori che non si sbilanciano in vista dell’imminente incontro della Fed sui tassi d’interesse. Il Dow Jones e’ invariato (-0.02%) a 10249, l’S&P500 cede lo 0.12% a 1160.8 e il Nasdaq segna +0.08% a 1930.

L’attenzione dei mercati e’ concentrata sul Fomc. Alle 20:15 ora italiana il braccio operativo della Federal Reserve rendera’ note le decisioni sui tassi d’interesse. Gli operatori danno per scontato un aumento del costo del denaro dello 0.25% (l’ottavo consecutivo) al 3%.

Molta attenzione, come sempre, sara’ prestata alle singole parole contenuto nel documento ufficiale che accompagna la decisione. In particolare, osservato speciale sara’ di nuovo il termine “measured”, con cui la Fed ha indicato di voler procedere sulla strada delle strette creditizie.

Una rimozione della parola significherebbe che le pressioni inflazionistiche sono aumentate e che la Fed potrebbe accelerare sulla politica monetaria restrittiva. Oltre all’andamento dell’inflazione, le incertezze degli operatori riguardano la robustezza della ripresa economica. Gli ultimi dati mostrano un quadro qa luci e ombre. Molto atteso e’ ora il rapporto di aprile sull’occupazione, in calendario venerdi’.

Passando alla cronaca societaria, la conglomerata industriale Tyco International ha registrato un calo nei profitti trimestrali. Escluse le poste non ricorrenti, Tyco ha battuto le previsioni degli analisti per un centesimo per azione.

L’azienda ha pero’ tagliato le previsioni sugli utili del 2005, citando i piu’ elevati costi delle commodities e la debolezza del settore elettronica ed automotive in Europa. Il titolo perde piu’ del 10% nelle prime battute di contrattazioni.

Risultati migliori delle attese (a livello proforma) li ha riportati anche la catena di casino’ Las Vegas Sands. Sotto i riflettori le societa’ automobilistiche, che nel corso della giornata pubblicheranno i risultati sulle vendite di aprile.

Per quanto riguarda gli indicatori economici, alle 16:00 saranno diffusi i dati sugli ordini alle fabbriche di marzo. Gli economisti si aspettano un calo dell’1.2% contro l’aumento dello 0.2% del mese precedente.

Vedi decine di small e medium cap in forte crescita segnalate da
WSI nella rubrica Titoli Caldi, una delle 11 sezioni in tempo reale
riservate agli abbonati a INSIDER. Se non sei gia’ abbonato, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati sono invariati i titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ al 4.19%. L’oro cede $1.1 a $429.4 all’oncia, il petrolio arretra di 52 centesimi a $50.40 al barile e l’euro viene scambiato a 1.2896 contro il dollaro.