WALL ST. ACCELERA CON BANCHE ED ENERGIA

18 Maggio 2009, di Redazione Wall Street Italia

Il mercato si avvicina al traguardo di meta’ seduta in buon rialzo (controlla la performance in tempo reale), con gli operatori incoraggiati dai segnali di un miglioramento dello stato di salute del settore del mattone.

“L’immobiliare e’ un indicatore fondamentale dell’attivita’ economica e molti ritengono che sara’ il settore a tirare fuori l’economia dalla recessione”, osserva in una nota T.J. Marta, fixed-income strategist di Marta on the Markets LLC.

Alle 19 italiane il mercato conoscera’ i dati dell’indice sulla fiducia dei costruttori edili a cura della National Association of Home Builders/Wells Fargo Housing Market relativo al mese di maggio. Il mese passato l’indice e’ salito sui livelli piu’ alti dal 2008.

Non ne puoi piu’ della Borsa? Sbagliato, perche’ qualcuno guadagna sempre. Prova ad abbonarti a INSIDER: costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul link INSIDER

“Sono certo che la lettura di maggio sara’ superiore a quella dello scorso mese, il che rafforzera’ sicuramente l’idea che la situazione del mercato immobiliare stia migliorando. Tuttavia gettare un rapido sguardo agli altri dati relativi al settore, dovrebbe bastare per temperare qualsiasi entusiasmo”, puntualizza Dan Greenhaus, analista di Miller Tabak & Co.

Tra i settori buona la prova in particolare di finanziari ed energetici, dopo i risultati Lowe’s. Il secondo maggiore distributore di articoli per la casa degli Stati Uniti ha chiuso il primo trimestre fiscale con profitti in calo del 22%, ma migliori delle attese, emettendo al contempo un outlook favorevole per i prossimi mesi. Secondo la societa’, i cui titoli scambiano in progresso di oltre il 6%, le condizioni economiche potrebbero migliorare.

All’interno di un comparto bancario decisamente ispirato quest’oggi (benchmark settoriale KBW +5%), si mette in luce State Street (+6,5%). L’istituto ha annunciato un aumento di capitale, tramite l’emissione di azioni e titoli del debito, volto a restituire i 2 miliardi di dollari di prestiti ricevuti dal governo nel quadro del piano di salvataggio finanziario lanciato lo scorso autunno. Dalla sola offerta azionaria State Street conta di ricavare 1,45 miliardi di dollari.