Voyager, si allunga la lista dei pretendenti dopo il fallimento di FTX

28 Novembre 2022, di Gianmarco Carriol

Binance e altre società di criptovalute stanno preparando offerte di acquisizione per Voyager Digital dopo che FTX, che aveva inizialmente accettato di acquisire l’azienda, ha presentato istanza di fallimento.

Voyager ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Chapter 11, che cerca di ristrutturare le aziende in difficoltà come operazioni commerciali redditizie, a luglio dopo che il fondo speculativo di criptovalute Three Arrows Capital è andato in default per un prestito della società del valore di 670 milioni di dollari.

L’exchange doveva essere acquisito dall’unità americana di FTX, FTX.US, per 1,4 miliardi dopo che l’azienda di Sam Bankman-Fried ha vinto in un’asta fallimentare negli Stati Uniti. È stato quindi riportato al punto di partenza dopo che la stessa FTX ha presentato istanza di fallimento.

Questa settimana, Binance ha confermato i rapporti secondo cui la sua sussidiaria statunitense Binance.US intende fare un’offerta per salvare Voyager dal collasso.

Parlando su Bloomberg, il ceo di Binance Changpeng Zhao la scorsa settimana ha dichiarato che Binance.US “farà un’altra offerta per Voyager ora, dato che FTX non è più in grado di mantenere tale impegno”.

Non solo Binance è pronta ad aiutare Voyager

CrossTower, una piattaforma di trading di criptovalute e NFT, è stata tra le parti che inizialmente hanno partecipato all’asta giudiziaria di Voyager. La società afferma che intende fare un’altra offerta per l’azienda, anche se per ora i dettagli sono scarsi. CrossTower sta inoltre pianificando un proprio fondo per aiutare le società cripto in crisi. L’azienda ha detto che non vede il fondo come “in competizione” con quello di Binance. Un portavoce di CrossTower ha dichiarato:

“Si tratta di stabilizzare un settore, riconquistare la fiducia e ricostruire quello che è probabilmente il futuro della finanza. Lo faremo, con fondi e talento, e collaboreremo con governi e responsabili politici e promuoveremo la trasparenza. Un fondo di rischio non ha costruito l’industria tecnologica e un fondo di recupero non ricostruirà questo”.

Nel frattempo, Wave Financial sta anche pianificando di fare una nuova offerta per acquisire l’exchange fallito, dopo aver inizialmente perso contro FTX. I clienti di Voyager sperano che qualsiasi salvataggio aziendale dell’azienda includa VGX, il token creato da Voyager come una sorta di programma di premi fedeltà, che offre sconti sulle commissioni di negoziazione.

“Avevamo anche alcune idee piuttosto intelligenti su come portare il traffico a un costo di acquisizione molto più basso con un saldo per cliente più elevato, che erano i due grandi problemi di Voyager”, ha detto Perrucci, presidente di Wave.

Ad agosto, Voyager ha sospeso il trading e i trasferimenti di VGX e ha delineato un piano per consentire ai clienti di scambiare i propri token con nuove monete su una blockchain separata. Il destino del token, che è sceso di oltre l′85% dall’inizio dell’anno, rimane poco chiaro.

Un altro attore coinvolto nel disordinato processo di ristrutturazione è Ethos.io, una startup che Voyager aveva acquisito nel 2019. La società aveva acquisito solo la tecnologia di Ethos.io e l’azienda sta pianificando di riprendersi come marchio separato dopo il crollo di Voyager. Shingo Lavine, co-fondatore di Ethos.io, afferma che la tecnologia della sua azienda è stata fondamentale per aiutare Voyager a sviluppare le sue capacità crittografiche. Voyager ha visto una crescita significativa dopo aver offerto supporto per dogecoin. Adam Lavine, fondatore di Shingo e collega co-fondatore di Ethos.io, ha affermato che la società ha istituito un proprio programma di recupero per i possessori di VGX e i creditori di Voyager e ha visto finora una buona risposta.