Voci patrimoniale sugli immobili: Palazzo Chigi smentisce

5 Febbraio 2019, di Alessandra Caparello

Nessuna patrimoniale sugli immobili all’orizzonte. Palazzo Chigi in una nota smentisce la bomba lanciata ieri da Luigi Bisignani su Il Tempo secondo cui il governo starebbe preparando una  batosta calcolata “tra il 5 e il 7%” il valore degli immobili, una. misura che “metterà definitivamente in ginocchio i cittadini, già gravati dall’Imu tra le più alte d’Europa”.

La Presidenza del Consiglio “smentisce categoricamente l’intenzione di intervenire con una tassa riguardante il patrimonio immobiliare. L’illazione, che è stata alimentata da alcuni mezzi di informazione, è assolutamente infondata”.

Ieri era intervenuto anche Claudio Borghi, presidente della Commissione Bilancio della Camera ed esponente della Lega.

Smentisco io per lui (ndr: il governo) anche se non ci sarebbe bisogno. Non ci passa nemmeno per l’anticamera del cervello di mettere patrimoniali di qualsiasi tipo. Noi vogliamo abbassare le tasse, non metterne di nuove. Il no alla patrimoniale è esplicitamente scritto nel contratto di governo».

Commenta Giorgio Spaziani Testa, presidente di Confedilizia:

“Ne prendiamo volentieri atto, ribadendo tuttavia il nostro appello a ridurre la patrimoniale che gli immobili sopportano già. Si tratta di 21 miliardi di euro l’anno fra Imu e Tasi, che stanno devastando il comparto immobiliare e tutto il suo immenso indotto. Se vogliamo favorire la crescita, è questa è una delle strade da seguire”.