Viaggi spaziali: le prime destinazioni di Blue Origin e Virgin Galactic

2 Giugno 2021, di Alberto Battaglia

Entro il 2021 sono previsti i primi viaggi spaziali dedicati ai civili, il cui unico obiettivo è vivere un’esperienza indimenticabile. Il progetto più avanzato è frutto di una partnership fra SpaceX e Inspiration4, che prevede di portare a compimento la prima missione condotta esclusivamente da civili.

Le società che si preparano a un futuro prossimo di “turismo spaziale” sono ormai numerose e alcune di esse prevedono di iniziare i primi viaggi già nei prossimi due o tre anni. Almeno nella prima fase, i viaggi spaziali a pagamento non potranno allontanarsi troppo da casa. Dimentichiamo, almeno per ora, viaggi a spasso per la Luna, su Marte o in luoghi ancor più remoti.

Si tratterà, nella maggioranza dei casi, di un’esperienza della durata di qualche ora, che si svolgerà nell’orbita bassa terrestre: abbastanza per non percepire più la gravità e vedere il pianeta da una prospettiva completamente nuova.

La Blue Origin di Jeff Bezos sta lavorando a un tour spaziale della durata effettiva in orbita di 11 minuti. Fino a sei passeggeri saranno lanciati nello spazio dalla base in Texas, spinti dal New Shephard rocket system. Per vivere quegli 11 minuti i clienti dovranno trascorrere un periodo di allenamento di due giorni e, secondo indiscrezioni, pagare un biglietto che costerà almeno 200mila dollari.

Lo stesso modello di Blue Origin sarà offerto anche dalla Virgin Galactic di Richard Branson. A bordo della SpaceShipTwo potrebbero salire fino a sei passeggeri, con un biglietto da almeno 250mila dollari, per un’esperienza effettiva in orbita di pochi minuti. Tra decollo e atterraggio il “volo” durerebbe circa due ore e mezza.

Anche la Space Adventures, società nata nel 1998, punta all’orbita bassa terrestre, ma in questo caso il viaggio durerebbe ben cinque giorni. La partenza sarebbe dalla Florida, con il razzo Falcon di casa SpaceX – si prevede l’avvio del servizio entro inizio 2022.

Altre società progettano, invece, di spedire i propri clienti sulla Stazione spaziale internazionale. Axiom Space punta di completare la prima missione con equipaggio “privato” entro il 2021. Dall’anno prossimo è previsto l’avvio del servizio di viaggio, guidato da un astronauta professionista, e la visita alla Stazione spaziale dovrebbe durare dieci giorni.