Venture Capital, Italia in ritardo rispetto all’estero

26 Febbraio 2018, di Livia Liberatore

In Italia sono tra 104 e 202 milioni di euro i finanziamenti provenienti dal Venture Capital, contro i 2,7 miliardi della Francia. Lo rileva il report realizzato dalla Casaleggio Associati sugli investimenti Venture Capital in Italia che ha utilizzato un campione di oltre 500 aziende.

Si tratta di risultati che mostrano un ritardo dell’Italia rispetto agli altri Paesi, che, come commentano gli autori, è al livello degli Stati Uniti degli Anni Settanta e della Francia degli Anni Duemila. Degli 8 miliardi di euro investiti in Italia nel settore delle imprese innovative nel 2016, il Venture Capital rappresenta meno del 2%. Nello stesso periodo nel resto d’Europa sono stati investiti dai Venture Capital 16,2 miliardi di euro.

Nel nostro Paese, le aziende che hanno ottenuto la più alta raccolta di finanziamenti sono al Nord (+35%), nel settore del biomedicale (+20%) e hanno un management sotto i 40 anni di età (+40%). L’importo medio raccolto per finanziamento è di 3.8 milioni.

Secondo il report, il ritardo italiano si riflette anche sull’occupazione, soprattutto fra gli under 35. Si calcola che per ogni milione investito da Venture Capital in Italia si creano 12 posti di lavoro nell’azienda e 60 nell’indotto. Le startup tecnologiche nel loro complesso hanno dato impiego a 35 mila persone e l’occupazione, tra soci e dipendenti, è cresciuta del 44,8% rispetto al 2016. L’Italia risulta indietro rispetto agli altri Paesi dell’Ue anche sui depositi di brevetto, con 67 domande depositate nel 2017 per milione di abitanti, contro le 157 della Francia e le 311 della Germania e sugli investimenti in R&D, con un 1,3% sul Pil rispetto al 2,8% della Germania.

Un ruolo importante viene svolto in Italia dai Business Angel che supportano il 78% delle aziende finanziate e forniscono il primo supporto finanziario alle startup. Nella fase successiva è invece centrale l’impegno del Venture Capital, in particolare nei casi in cui il fabbisogno finanziario supera i 2 milioni di euro.