VENDITE SUL NASDAQ, IL CALO TOCCA 150 PUNTI -4,2%

10 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Tutti i principali indici di borsa accentuano le perdite dopo l’ennesima apertura in rosso. Volume di scambi estremamente ridotto aspettando la Federal Reserve. Fioccano gli ordini di vendita sul tecnologico.

(verificare quotazioni indici aggiornate IN TEMPO REALE in prima pagina)

Ad affossare l’high-tech è Motorola, in forte calo dopo aver ricevuto un abbassamento del rating da parte della banca d’investimenti Salomon Smith & Barney.

Gli eccellenti risultati trimestrali, superiori alle attese di mercato, presentati ieri sera da Cisco Systems non sono stati sufficienti a fermare gli ordini di vendita sul titolo, che non riesce a scollarsi di dosso l’etichetta di “sopravvalutato”.

Sull’indice delle Blue Chip pesa la caduta di IBM, che cede oltre il 4%, nonostante Lou Gerstner, presidente e amministratore della società, in un incontro con gli analisti, abbia detto che i problemi legati al Millennium Bug sono definitivamente superati e che “Big Blue” sta andando molto bene con il software, i servizi e i grandi computer. Gerstner ha tuttavia ammesso che con il design dei nuovi sistemi di memoria di massa la società ha “scazzato” e che questo peserà sui risultati del secondo trimestre.

Il tormentone principale dei mercati resta tuttavia l’incognita sui tassi d’interesse e gli analisti sono convinti che gli investitori non metteranno mano al portafoglio sino a quando la Federal Reserve non avrà deciso l’entità della stretta sul costo del denaro. La riunione dei governatori della banca centrale è in calendario per il 16 maggio prossimo.

Vendite su auto, biotecnologie, personal computer, software, finanziario, internet, microprocessori.

Contrastano i ribassi solo dai settori petrolifero e cartario.

Tra i principali titoli in movimento questa mattina a Wall Street:

Nel settore della telefonia cellulare, Motorola (MOT) perde quasi il 9% dopo che Salomon Smith Barney ne ha ridotto il rating da “Buy” a “Outperform”, rivedendone anche le stime sugli utili per il 2000 e 2001.(vedi articolo WSI delle 09:50)

Nel settore dei chip per computer, Applied Materials (AMAT) perde il 5%. Gli investitori rimangono in attesa dell’annuncio sugli utili del secondo trimestre, atteso dopo la chiusura dei mercati. Le aspettative sono per profitti in rialzo a quota 55 centesimi per azione.

Nel settore dei prodotti di largo consumo, Unilever NV (UN), il secondo gruppo mondiale nel settore, ha chiuso il primo trimestre con un rialzo dei profitti del 12% riuscendo a superare le aspettative di Wall Street grazie alla riduzione dei prezzi dei prodotti al consumo. La società anglo-olandese, che adesso punta al mercato delle acquisizioni, potrebbe riaprire le trattative per la fusione con il gruppo alimentare americano Bestfoods (BFO) che la scorsa settimana gli aveva chiuso la porta in faccia giudicando inadeguata l’offerta di $18,4 miliardi. Il titolo Unilever guadagna l’8,5%, mentre Bestfoods solo il 2%.(vedi articolo WSI delle 09:09)

Nel settore informatico, Microsoft Corp. (MSFT) rimane praticamente invariata con una perdita inferiore al mezzo punto percentuale. Gli investitori rimangono in attesa dei prossimi passi del colosso di Redmond.

Nel settore della carta, International Paper (IP) ha aumentato del 17% l’offerta per Champion International (CHA), portandola a $9,5 miliardi. La nuova offerta mette a rischio l’offerta della finlandese UPM-Kymmene (UPM). Il titolo (CHA), in forte rialzo nel preborsa questa mattina, guadagna adesso quasi il 9%. (IP), invece, perde quasi il 4%.(vedi articolo WSI delle 09:42)

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli più trattati al New York Stock Exchange (dati delle 10:00) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare aggiornamenti su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(AWE) AT&T Wireless Group 6,543,100 29.188 +0.188 +0.65%;

(MOT) Motorola, Inc. 5,694,400 89.500 -15.000 -14.35%;

(T) AT&T Corp. 4,445,500 36.750 -0.938 -2.49%;

(GM) General Motors Corporation 4,863,100 83.375 -2.688 -3.12%;

(NOK) Nokia Corporation 2,498,800 50.750 -3.125 -5.80%;

(GE) General Electric Company 2,504,200 51.125 -1.000 -1.92%;

(NT) Nortel Networks Corporation 2,349,300 49.625 -3.531 -6.64%;

(CPQ) Compaq Computer Corporation 2,042,300 25.125 -0.875 -3.37%;

(MO) Philip Morris Companies Inc. 1,972,700 24.063 +0.438 +1.85%;

(IBM) International Business Machines Corporation 2,380,100 104.375 -4.625 -4.24%.

Ecco di seguito la lista dei 10 titoli più trattati al Nasdaq (dati delle 10:00) con i rispettivi volumi, prezzi e variazioni percentuali (verificare aggiornamenti su QUOTAZIONI INTERATTIVE, digitando il simbolo dei singoli titoli):

(CSCO) Cisco Systems, Inc. 23,344,300 59.500 -3.250 -5.18%;

(DELL) Dell Computer Corporation 6,381,600 45.625 -1.188 -2.54%;

(AMAT) Applied Materials, Inc. 6,684,400 84.438 -6.188 -6.83%;

(INTC) Intel Corporation 5,950,700 112.875 -4.063 -3.47%;

(MSFT) Microsoft Corporation 5,581,800 66.750 -1.063 -1.57%;

(ORCL) Oracle Corporation 4,893,000 71.375 -0.625 -0.87%;

(ATHM) [email protected] 3,923,700 19.563 -0.375 -1.88%;

(SUNW) Sun Microsystems, Inc. 4,408,900 79.875 -2.250 -2.74%;

(GSTX) GST Telecommunications, Inc. 3,236,300 0.594 -2.406 -80.21%;

(JDSU) JDS Uniphase Corporation 2,820,100 80.500 -5.313 -6.19%.