Vendite scatenate sui Bund, tassi a un passo dall’1%. Euro vola oltre $1,13

4 Giugno 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Panico e forti oscillazioni su tutti i mercati. Prosegue il bagno di sangue sul mercato dei bond europei, dopo i sell off che hanno messo in ginocchio bond giapponesi e australiani.

I tassi sui Bund decennali tedeschi balzano fino allo 0,98%, a un passo dall’1%, mentre l’euro si attesta al nuovo record in due settimane, salendo fino a $1,1346. Si tratta del maggior guadagno in due giorni in più di sei anni.

Contro lo yen, la valuta europea testa il massimo in quasi cinque mesi, a JPY 140,71; contro la sterlina vola a 73,835, al record in quattro settimane. L’euro tocca inoltre il massimo in due mesi e mezzo verso il franco svizzero.

Tutto accade all’indomani della conferenza stampa di Mario Draghi successiva all’annuncio sui tassi di rifinanziamento, lasciati invariati allo 0,05%. Riguardo alla correzione dei bond, Draghi ha detto chiaramente che gli investitori dovranno abituarsi alla volatilità del settore.

Le sue parole hanno scatenato sell off sui bond a livello globale, con i Bund che sono stati attaccati dalle vendite, soffrendo la perdita in due giorni maggiore in quasi 17 anni. L’ultima volta, ricorda il Financial Times, in cui il sell off sui Bund fu talmente veloce accadde nelle due sessioni dell’8 e 9 ottobre del 1998, con i mercati messi in ginocchio dalla crisi finanziaria russa e dal collasso di Long-Term Capital Management. (Lna) [ARTICLEIMAGE]