Variante Delta, per l’agenzia sanitaria Usa è “contagiosa come la varicella”

30 Luglio 2021, di Alberto Battaglia

Per le varianti Covid osservate in precedenza, ad aumentare era la contagiosità, ma non la pericolosità della malattia provocata; non sarebbe più così, invece, nel caso della variante Delta: a dichiararlo, in un documento interno rivelato dal Washington Post, sono i Centers for Disease Control and Prevention, un’agenzia federale direttamente impegnata nel controllo della pandemia negli Stati Uniti.

Variante Delta, per l’agenzia sanitaria Usa è “contagiosa come la varicella”

La variante Delta, secondo quanto afferma il Cdc, sarebbe tanto contagiosa quanto lo è la varicella, superando la trasmissibilità osservata in molte altre malattie come la Mers, la Sars, l’Ebola e l’influenza spagnola del 1918. Solo il morbillo, risulterebbe più facile da trasmettere del Covid nella sua variante indiana.

Per quanto riguarda la pericolosità del virus, il Cdc fa riferimento ad alcuni studi scientifici scozzesi e canadesi, secondo i quali le probabilità di ospedalizzazione sarebbero superiori, nel caso di contagio con la variante Delta. Un altro studio condotto in Singapore, inoltre, mostra come potrebbe essere più frequente il ricorso all’ossigeno per il trattamento del paziente.

I vaccini, tuttavia, si sono dimostrati efficaci soprattutto nell’arginare le forme più gravi della malattia. I funzionari hanno suggerito di comunicare al pubblico che la vaccinazione riduce di “10 volte o più” il rischio di morte e malattia grave e “di tre volte” quello di infettarsi.
Le evidenze citate dal Cdc, tuttavia, indicano come anche i soggetti completamente vaccinati possano trasmettere il virus, specialmente nella sua più pericolosa variante.

L’infezione con la variante Delta, infatti, produce quantità di virus nelle vie respiratorie dieci volte superiori a quelle osservate con la variante Alpha (ex inglese) e mille volte più consistenti rispetto al virus comparso a Wuhan.

Covid, Cdc: “La guerra è cambiata”

Per queste ragioni l’agenzia federale si è spinta ad affermare che, contro il coronavirus, “la guerra è cambiata”.

“Il Cdc è molto preoccupato per i dati che stanno arrivando che indicano come la Delta sia una minaccia molto seria che richiede un’azione ora”, ha affermato un funzionario citato dal New York Times, in particolare, “data la maggiore trasmissibilità e l’attuale copertura vaccinale, adottare a livello universale l’obbligo della mascherina è essenziale”.

I dati globali sull’andamento dei contagi, raccolti dalla Johns Hopkins University indicano un incremento, fra il primo luglio e il 29 dello stesso mese, del 51% a quota 663mila casi giornalieri. Nello stesso periodo i decessi giornalieri sono aumentati del +33%.