Usa: sussidi disoccupazione in rialzo a 462000

14 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Nella settimana conclusasi il 9 ottobre le nuove richieste per sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti sono aumentate di 13000 unita’ a 462000. Rivisto al rialzo il dato di sette giorni fa a 449000 da 445000. Le cifre sono un chiaro segnale che il mercato del lavoro dovra’ impiegare ancora molto tempo prima di poter guarire completamente, con la disoccupazione che rimane su livelli preoccupanti, vicini ai massimi di 26 anni.

Lo ha comunicato il Dipartimento del Lavoro Usa. Le cifre si sono rivelate peggiori del previsto. Gli analisti si aspettavano in media una lettura pari a 450000 unita’.

Quanto al numero di persone che continua a ricevere assegni di sussidio, nella settimana conclusasi il 25 settembre la cifra e’ scesa a 4.399 milioni da 4.511 milioni (dato rivisto da 4.462 milioni). Le previsioni erano per una lettura pari a 4.450 milioni.

“Il vero problema e’ la mancanza di crescita della forza lavoro”, ha dichiarato a Bloomberg Scott Brown, chief economist di Raymond James & Associates, aggiungendo che “la buona notizia e’ che il numero di licenziamenti non e’ tale da far temere una nuova recessione”. La cattiva notizia, invece, e’ che a questo punto ci si aspettava una situazione occupazionale migliore e che a questo punto e’ evidente che per vedere una ripresa consistente ci vorra’ ancora del tempo.