USA: PHILADELPHIA FED PEGGIORE DELLE ATTESE

19 Febbraio 2004, di Redazione Wall Street Italia

(WSI) New York – 19 febbraio – L’indice sull’attivita’ manifatturiera dell’area di Philadelphia nel mese di febbraio e’ sceso a quota 31.4. A gennaio l’indicatore si era attestato a 38.8 punti.

Lo ha comunicato la Federal Reserve di Philadelphia.

L’indicatore, che anticipa lo stato dell’economia americana, si e’ rivelato peggiore delle aspettative del mercato. Il consensus degli analisti era infatti per un valore di 35 punti.

I rumor che circolavano nelle sale operative di New York prima della diffusione del dato vedevano il Philly Fed addirittura a 40 punti (vedi target news delle 17:22).

Un numero maggiore di zero indica che la percentuale dei manager interpellati che hanno registrato un miglioramento del proprio business e’ maggiore di quello delle aziende la cui situazione e’ peggiorata.

Il rapporto e’ osservato molto da vicino da economisti e investitori perche’ fornisce un’indicazione sullo stato dell’intera attivita’ manifatturiera degli Stati Uniti, che conta per un settimo dell’intera economia Usa.