USA: L’ISM MANIFATTURIERO DI OTTOBRE SCENDE A 38.9

3 Novembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Nel mese di ottobre l’indice ISM, il dato che misura l’andamento dell’attivita’ manifatturiera negli Stati Uniti, e’ sceso a quota 38.9 dai 43.5 punti di settembre, mostrando un’ulteriore contrazione rispetto ai mesi passati e confermando i segnali di recessione.

Lo ha comunicato l’Institute for Supply Management, di Tempe in Arizona.

L’indicatore si e’ rivelato peggiore delle stime degli analisti. Il consensus era per un ribasso a 42 punti.

Ricordiamo che un valore superiore ai 50 punti indica un’espansione dell’attivita’ manifatturiera, mentre un valore inferiore indica contrazione.

Mercato difficile? Si’, e con le news gratis, non vai da nessuna parte. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

L’attività della manifattura statunitense ha segnato in ottobre un’ulteriore contrazione, secondo quanto emerge dall’indagine condotta dall’Institute for supply management.

L’indicatore relativo al mese scorso è sceso a 38,9 da 43,5 di settembre, segnando il livello minimo in ventisei anni. Gli economisti avevano previsto una flessione più lieve, a 41,5.

Il livello di 50 separa la contrazione dall’espansione e una lettura al di sotto di 40 indica una debolezza eccezionale del settore.

“Piuttosto brutto. Significa che siamo in recessione, niente di diverso … una recessione della manifattura abbastanza ‘solida’” commenta Robert Macintosh, capo economista di Eaton Vance corp di Boston.

“… la domanda è quanto profonda e lunga sarà questa fase”, aggiunge.

Le componenti dell’indagine sono tutte deboli e, in particolare, l’occupazione è scesa al minimo da marzo 1991, a seguito della flessione mensile più pronunciata in venti anni. Il sotto-indice relativo all’occupazione è passato in ottobre a 34,6 da 41,8 di settembre.

Al minimo dal 1980 la componente relativa ai nuovi ordini, che segna in ottobre 32,2 da 38,8.