USA: INVARIATI PREZZI AL CONSUMO IN APRILE

16 Maggio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Inflazione fredda negli Stati Uniti nel mese di aprile: secondo i dati diffusi questa mattina dal dipartimento del Lavoro Usa, i prezzi al consumo sono rimasti invariati; il “core rate”, l’indice depurato delle componenti piu’ volatili, e’ cresciuto invece dello 0,2%.

Le aspettative dei mercati erano per un incremento dello 0,1%, dopo il dato di marzo, rivisto in una crescita dello 0,7%.

I prezzi dell’energia, che contano per circa un decimo del valore dell’indice, sono scesi dell’1,9% dopo il balzo del 4,9% registrato in marzo.

Nel settore dei trasporti si e’ registrato un calo dello 0,7%, il piu’ forte dal maggio 1997.

Secondo i principali analisti, il dato non avra’ tuttavia impatto sulla decisione che la Federal Reserve dovra’ prendere oggi sui tassi d’interesse.

La banca centrale con ogni probabilita’ aumentera’ il costo del denaro di mezzo punto percentuale a quota 6,5%, il valore piu’ alto degli ultimi nove anni, nel timore che la crescita dell’economia Usa corra troppo in fretta.