USA: GOLDMAN PREVEDE ALTRO TAGLIO STIME PIL

di Redazione Wall Street Italia
25 Settembre 2001 14:25

La banca d’affari Goldman Sachs martedi’ ha epresso la preoccupazione di un altro possible taglio delle stime sul PIL americano dopo le riduzioni di venerdi’ considerate adesso troppo “ottimistiche”.

Goldman Sachs, venerdi’ scorso, aveva infatti abbassato le sue previsioni sull’economia degli Stati Uniti, dicendo di aspettarsi una crescita dello 0,5% del PIL americano per il terzo trimestre 2001 e del 2,5% per il quarto trimestre 2001.

Venerdi’ aveva inoltre tagliato le stime sulla crescita del PIL nel 2001 portandole all’1% da un precedente 2% e poi aveva ridotto anche le previsioni sulla crescita del PIL nel 2002 a 0,5% dal precedente 2%.

Nella sua prima dichiarazione pubblica dopo l’attacco terroristico dell’11 settembre, William Dudley , capo economista di Goldman Sachs ha annunciato: “Possiamo immaginare uno scenario che e’ leggermente peggiore di quello attuale”.

“Un secondo attacco terroristico potrebbe essere particolarmente dannoso sia sull’economia che sul comportamento dei consumatori – ha continuato Dudley – in secondo luogo, se non si provvede subito ad approvare uno stimolo fiscale come annunciato, penso che dovremmo abbassare di nuovo le nostre previsioni”.